Dopo il disastro aereo, senza una gamba: l’ex portiere Chapecoense ora è papà!

Dopo il disastro aereo, senza una gamba: l’ex portiere Chapecoense ora è papà!

Jackson Follmann ha partecipato come nuotatore alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, si è dato alla carriera musicale

di Redazione DDD

Sono trascorsi poco più di tre anni dal disastro aereo della Chapecoense, che vide la morte di 71 persone, fra cui 19 giocatori. Della squadra brasiliana, solamente in tre sopravvissero, fra cui il secondo portiere Jackson Follmann, che però ha dovuto abbandonare il calcio giocato, essendosi sottoposto all’inevitabile amputazione di una gamba. Per lui, dunque, classe 1992, è cominciata una nuova vita: come raccontato dal Mundo Deportivo, Follmann, dopo essersi allenato per partecipare come nuotatore alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, si è dato alla carriera musicale, reduce dal successo in un contest musicale di nome Popstar in onda sulla tv brasiliana. Insomma, oggi l’ex portiere canta, cercando di ricostruirsi una vita dopo quel tragico evento che lo ha segnato e lo segnerà per tutto il resto dell’esistenza. Recentemente è arrivata un’altra gioia, essendo diventato papà.

Una nuova vita dopo la tragedia aerea Chapecoense

“La mia carriera? Direi che sicuramente era meglio quella di portiere”, ha dichiarato alla testata spagnola. Follmann continua a non dimenticare quello che è accaduto e, soprattutto, la Chapecoense: “Quello che faccio è promuovere il nome del club in tutto il mondo e partecipare ad alcuni premi. Questo è il mio lavoro: essere in grado di rappresentare il club mi rende felice. Ricevo molti messaggi sui social, ringraziamenti per quello che faccio, per ciò che rappresento. Credo di essere rimasto vivo per potere aiutare gli altri in qualche modo. Così devo affrontare la mia nuova vita”.

Così si racconta il portiere-sopravvissuto
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy