Germania, André Schürrle: “Quando ho visto giocare Eden Hazard ho capito che era il migliore al mondo”

L’ex calciatore tedesco, ritiratosi a soli 29 anni, ha rilasciato un’intervista alla Bild in cui ha svelato il compagno di squadra più forte avuto e l’allenatore che lo ha portato al massimo livello…

di Davide Capano, @davide_capano

André Schürrle, ex attaccante di Borussia Dortmund, Chelsea e Bayer Leverkusen tra le altre, campione del mondo con la Germania in Brasile nel 2014, ha rilasciato un’interessante intervista al quotidiano tedesco Bild. Il nativo di Ludwigshafen am Rhein ha appeso le scarpe al chiodo a soli 29 anni dopo una carriera fatta di up e down: “La gente si ricorderà di me per la finale dei Mondiali in Brasile. Lo so e non mi offende, tutt’altro. Tuttavia, preferisco che quando pensano a me sia perché ero un ragazzo gentile, attento con i tifosi e normale. Una persona in carne e ossa, niente di più. Alzarsi la mattina e vedere che sono una persona del genere è ciò che mi rende davvero felice”.

Schürrle, spegnerà venerdì trenta candeline, ha parlato anche dei colleghi più forti avuti in campo: “Ho avuto compagni di squadra molto bravi, ottimi, ma nessuno come Eden Hazard, Lahm o Götze. Ricordo la prima volta che ho visto Eden. Pensavo che non sarei mai arrivato da nessuna parte finché non l’ho visto giocare. Era il migliore del mondo. Con Lahm e Götze mi sono reso conto mentre mi allenavo che volevo avere le loro qualità”.

Schürrle ed Eden Hazard ai tempi del Chelsea a Craven Cottage contro il Fulham nel marzo 2014

Infine una battuta sull’attuale tecnico del Paris Saint-Germain Tuchel, con cui ebbe divergenze in passato: “Può sembrare strano perché non abbiamo sempre avuto un buon rapporto, ma Thomas Tuchel è stato l’allenatore che mi ha portato al massimo livello. Sapeva come tirare fuori tutto il calcio che è in me e non posso non essergli grato”.

Con Tuchel al Magonza
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy