Giovinco-Var e tripletta di Gomis: così l’Al-Hilal vince il suo Scudetto saudita numero 16

L’Al-Hilal è campione della Saudi Professional League (SPL) per la sedicesima volta record dopo aver sconfitto l’Al-Hazem per 4-1 in una serata emozionante al King Saud University Stadium grazie a una tripletta del francese Bafétimbi Gomis. L’ultimo titolo SPL segna anche il 60esimo trofeo complessivo nella storia del club.

di Redazione DDD

La tripletta di Bafetimbi Gomis sigilla il record del 16esimo titolo saudita per l’inarrestabile Al Hilal. All’inizio della 28esima giornata della stagione 2019-20 interrotta e poi ripresa, l’Al-Hilal aveva sei punti di vantaggio sull’Al-Nassr secondo in classifica. Bastava una vittoria per mantenere lo scudetto, ma le cose non sono andate del tutto lisce per i vincitori della AFC Champions League 2019. Al terzo minuto di gioco, Abdulrahman ha infatti portato in vantaggio l’Al-Hazem. Tuttavia, al 36esimo, nonostante l’Al-Hilal avesse più possesso palla, la partita ha cambiato decisamente la strada della squadra di casa quando Sebastian Giovinco ha subito un fallo da Asselah dopo che aveva già tirato a lato. Ci sono voluti pochi minuti perché il VAR confermasse la decisione, e Gomis non ha commesso errori dal dischetto.

Senza dubbio l’allenatore rumeno dell’Al-Hilal Răzvan Lucescu e i suoi giocatori stavano tenendo d’occhio gli eventi a Gedda, dove Al-Nassr e Al-Fayha stavano pareggiando 1-1 all’intervallo. Per come stavano le cose, l’Al-Hilal sarebbe stato incoronato campione con due partite rimaste. A inizio ripresa, l’Al-Hilal ha ottenuto il secondo rigore della serata quando Gomis ha subito fallo da Abdullah Al-Shammari. Lo stesso francese ha trasformato un altro rigore per il suo terzo gol della partita e 23esimo di un’altra prolifica stagione in Arabia Saudita. Il fischio finale ha portato applausi e molte lacrime per l’allenatore, i giocatori e lo staff dell’Al-Hilal: il loro duro lavoro alla fine ha dato i suoi frutti in questa stagione così insolita. I tifosi non c’erano, ma il club non li ha dimenticati: “A presto”, la scritta sullo schermo gigante dello stadio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy