DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

UN IMPERO COSTRUITO SUI FISCHIETTI...

Il fischietto arbitrale del Clasico arriva dal Canada ed è stato progettato nel 1984…

MADRID, SPAIN - MAY 09: Nacho of Real Madrid interacts with Referee Juan Martinez Munuera after a penalty decision during the La Liga Santander match between Real Madrid and Sevilla FC at Estadio Alfredo Di Stefano on May 09, 2021 in Madrid, Spain. Sporting stadiums around Spain remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Il fischietto per il Clasico di questo fine settimana tra Real Madrid e Barcellona al Santiago Bernabéu arriva direttamente dal Canada ed è il prodotto di un'azienda familiare che ne produce 15.000 pezzi al giorno.

Redazione DDD

Il "Clásico" di questa domenica tra Real Madrid e Barcellona si giocherà con un Fox 40. L'arbitro designato, Juan Martínez Munuera, utilizza questo famoso fischietto canadese, il prodotto di un'azienda familiare che ne produce 15.000 al giorno . In Spagna ne vende 170.000 all'anno, tra sport, sicurezza e pronto soccorso. Il suo inventore, Ron Foxcroft, ha racconta a "EFE" come l'ha creato negli anni '70: "Trovo molto eccitante ogni volta che la Coppa del Mondo è in TV e vedo gli arbitri con il mio fischietto o quando lo usano alle Olimpiadi perché ero un arbitro ai Giochi estivi di Montreal nel 1976", spiega il padre del fischietto che viene venduto in 140 paesi del mondo ad un prezzo medio di 8 dollari l'unità e che negli ultimi decenni è diventato uno dei più apprezzati dagli arbitri in tutti i tipi di competizioni come i Mondiali di Calcio o NBA. Questi fischietti sono molto apprezzati perché i loro 115 decibel non mancano sotto la pioggia. Costano 5,99 euro (quello classico) e 9,19 euro per chi ha il bocchino in silicone, scelto per evitare che i denti si segnino e avere una presa più comoda.

Nel 1984, durante un torneo pre-olimpico a San Paolo, in Brasile, Foxcroft fischiò davanti a 15.000 spettatori. "Mi sono detto 'basta. Qualcuno deve progettare un fischietto che non fallisca'. E quando sono tornato in Canada, ho assunto un designer e ingegnere industriale, Chuck Shepherd, un genio recentemente scomparso. Abbiamo lavorato insieme per anni e mezzo. Abbiamo assunto un altro ingegnere, uno scienziato con un dottorato in suono e un insegnante di musica", ricorda Foxcroft. "E dopo tre anni e mezzo, abbiamo finalmente avuto due prototipi di quella che ora è la Fox 40 Classic", ha aggiunto. "A quel punto il problema era venderlo. E per due mesi non ha letteralmente venduto un cavolo. Fino a quando nel 1987 sono stato nominato arbitro per i Giochi Panamericani che si sono svolti quell'anno nella città americana di Indianapolis..."Foxcroft prese i suoi due prototipi, che gli erano costati 150.000 euro, e una mattina, alle 2:00 del mattino, iniziò a fischiare nella residenza dove alloggiava il resto degli arbitri. "La gente veniva di corsa, attratta dal bel suono penetrante, pulsante, da 120 decibel del fischietto. Mi chiedevano se potevano comprarne uno. E io, seguendo il consiglio di mia moglie Mary, dissi loro che era impossibile perché tutta la mia scorta era esaurita. Ma se volevano, potevano effettuare nuovi ordini", dice con un sorriso. Quella settimana, Foxcroft vendette 20.000 fischietti al prezzo di sei euro ciascuno e pose le basi del suo impero.

tutte le notizie di