Lesotho, una squadra di calcio totalmente benefica: nel Kick4Live FC salari pari fra calciatori e calciatrici

Lesotho, una squadra di calcio totalmente benefica: nel Kick4Live FC salari pari fra calciatori e calciatrici

Il Kick4Life F.C. rappresenta una alternativa ad un calcio che ha smarrito quel suo legame umano con le classi sociali meno abbienti e non privilegiate

di Redazione DDD

Quello del Kick4Life F.C. è un progetto, umanitario prima che sportivo, decisamente unico nel suo genere. Fondata, come racconta Eduardo Accorroni su Avvenire nel 2005 dai fratelli filantropi Steve e Pete Fleming, è la prima società calcistica esclusivamente dedita ad iniziative che hanno, quale fine ultimo, quello di migliorare, mediante il calcio, le condizioni sanitarie, sociali ed economiche nel Regno del Lesotho (e non solo). Il Lesotho, situato nell’Africa australe, all’estremità sudorientale del continente nero, considerato, a ragione, uno degli stati più poveri e pericolosi al mondo, è una Enclave della Repubblica del Sudafrica, da cui dipende in modo pressoché assoluto, sia economicamente sia politicamente.

La società, tra l’altro, nell’aprile del 2020 è diventata il primo club africano a sottoscrivere l’accordo Sports for Climate Action, con l’intento di ridurre l’impatto ambientale e promuovere una crescita ed uno sviluppo sostenibile. La scorsa settimana, poi, è arrivata, tramite i canali social della squadra, la definitiva ufficializzazione della clamorosa decisione di rendere paritari i salari tra la squadra femminile (saldamente al 2° posto, a punteggio pieno dopo 4 giornate, nella Lesotho Women’s Super League) e quella maschile (attualmente al 9° posto della Lesotho Premier League, prima divisione). Il Kick4Life F.C. è diventato, in questa maniera, il primo club professionistico a garantire una totale equità ed uniformità di trattamento tra i componenti della rosa, senza nessun tipo di distinzione di genere. Il manager della squadra femminile Puky Ramokoatsi, in un’intervista rilasciata al portale britannico The Guardian, ha dichiarato: “Sono molto orgogliosa della decisione presa. L’augurio è il K4L diventi una fonte d’ispirazione non solo per il Regno del Lesotho, ma anche a livello globale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy