L’ira dei tifosi per le nuove maglie del Napoli: su Twitter #LeteOut in tendenza

Le indiscrezioni sulle nuove maglie del Napoli mostrano una modifica allo sponsor centrale Lete, senza sfondo ma con solo la scritta rossa

di Michael Cuomo, @MichaelCuomo7

Fanno discutere e hanno creato un vero e proprio movimento tra i tifosi del Napoli le nuove maglie azzurre firmate Kappa per la stagione 20/21 che verranno indossate da Insigne e compagni. Per la prima maglia, si apprende dalle prime indiscrezioni ufficiose emerse, il colore è il classico azzurro con dettagli e finiture in blu navy. Un celeste chiaro è stato invece scelto per la maglia da trasferta, blu notte con finiture rosa la terza casacca.

A far discutere, come dicevamo qualche riga sopra, non sono però i colori delle maglie che quest’anno sostituiscono i motivi delle ultime stagioni, bensì lo sponsor centrale “Lete” accompagnato da MSC e la coccarda tricolore tra lo sponsor e il logo per la vittoria della Coppa Italia. Lo storico marchio di produzione di acqua, che accompagna il Napoli sulle maglie da oltre un decennio, si presenta questa volta con una scritta rossa senza sfondo ma contornata di bianco. Addio dunque al classico sfondo rosso e scritta bianca disegnato da inizio partnership.

Questa scelta di colori è bastata per scatenare l’ira dei tifosi partenopei, che vorrebbero almeno un cambio di colori dal rosso al bianco. Su Twitter l’hashtag #LeteOut ha raggiunto il 2º posto in trend topic in Italia. Insieme a questo anche l’hashtag #boicottaLete. Qualcuno ha anche creato account ad hoc come @TutelaMagliaNA, “a tutela della maglia del Napoli”. Centinaia, invece, coloro che hanno giocato con le modifiche cambiando colore e inviando proposte a Kappa e al club di De Laurentiis. Chissà se, come accadde un anno fa quando il colore di nome e numero cambio dal blu al ben più leggibile bianco, anche quest’anno ci sarà per la maglia del Napoli un cambio in corsa prima della definitiva ufficialità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy