DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

LA RIVALITA' SECONDO MONCHI

Nessuna mancanza di rispetto, Monchi: “Al derby ho esultato perché il Betis è forte”

SEVILLE, SPAIN - NOVEMBER 07: Ramon Rodriguez Verdejo, Sporting Director of Sevilla FC celebrates following the La Liga Santander match between Real Betis and Sevilla FC at Estadio Benito Villamarin on November 07, 2021 in Seville, Spain. (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

A Madrid lo accusano di aver mancato di rispetto subito dopo il derby contro il Betis, Monchi risponde da Siviglia...

Redazione DDD

La scorsa settimana, il modo in cui Monchi ha festeggiato il trionfo del Siviglia nel derby allo stadio Benito Villamarín contro il Betis ha suscitato molto entusiasmo. Il direttore generale sportivo del Siviglia ha affrontano la questione e l'ha addirittura ribaltata. "È un riconoscimento alla grandezza del Betis", ha commentato Monchi, che questo lunedì 15 novembre ha ritirato la Colomba d'Argento 2020, un premio che non poteva essere assegnato a suo tempo dalla Scuola di Cultura della Pace a causa della pandemia. Da Madrid, quella esultanza di Monchi nello stadio del Betis subito dopo il derby, è stata presa come una mancanza di rispetto. Il protagonista, in un'intervista a PTV Sevilla, la nuova televisione locale nata nel capoluogo sivigliano, pensa proprio il contrario: “Qui a Siviglia nessuno ha parlato dell'argomento, se ne parla solo per quello che viene da lì, da Madrid. Domenica ho fatto quello che faccio sempre, quando abbiamo perso a Granada sono andato a salutare i tifosi del Siviglia, quando abbiamo pareggiato a Lille, che non è stato un risultato molto positivo, sono andato a salutare. E anche quando vinciamo. Sono sempre così, perché penso di dover ringraziare le persone che viaggiano", ha spiegato.

Ma Monchi è andato oltre davanti alla stampa locale, che gli ha chiesto della vicenda con meno rabbia di quella che si è riversata da quelle tribune nazionali: "C'è chi pensa che sia stata una mancanza di rispetto per il Betis, io penso che fosse il contrario. Quando si festeggia qualcosa, si festeggia un titolo o una vittoria contro un grande rivale. Se io celebro la vittoria contro il Betis è perché li considero una grande squadra, un grande rivale, ed è per questo che lo celebro con tanta effusione. non una mancanza di rispetto, è un riconoscimento della grandezza del Betis”. E ha aggiunto. "Una cosa per quanto riguarda il derby: io sono più un giocatore del Siviglia che un direttore sportivo".

tutte le notizie di