DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

IL COMUNE DENOMINATORE

CAPU…T DERBY – Chi ha sbagliato?

KONYA, TURKEY - MARCH 29: Gianluigi Donnarumma of Italy in action during the International Friendly match between Turkey and Italy on March 29, 2022 in Konya, Turkey. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Da Pogba a Donnarumma, la parabola di campioni ricchi messi in progetti non adatti. Per Gigio, colonna del futuro azzurro, non è più tempo di fischi...

Redazione DDD

di Giovanni Capuano -

Riflessione a freddo, dopo aver visto la nazionale italiana naufragare sulla strada del Mondiale anche (non solo) per colpa di Donnarumma che a meno di un anno dall'Europeo sembra aver perso i poteri da supereroe: e adesso? Chi ha sbagliato? Si può tornare indietro nel tempo, ritrovando il fenomeno tra i pali destinato a battere tutti i record e non solo perché ancora giovanissimo? Pensieri in libertà che si saldano con il ricordo della choccante intervista di qualche giorno fa di Paul Pogba, quella dell'ammissione di sentirsi un pesce fuor d'acqua nella ricca Manchester fino ad essere caduto in depressione. Anche nel caso del francese, è stato fatto tutto nell'interesse della sua carriera?

 La rubrica di Giovanni Capuano

L'elemento in comune tra Donnarumma e Pogba è, ovviamente, Mino Raiola con il suo modo aggressivo di garantire ai propri assistiti la massimizzazione dei guadagni economici anche a costo di scelte dirompenti e non sempre funzionali alla crescita del giocatore. Dire che ha sbagliato solo lui, però, sarebbe facile: in fondo anche loro (ad esempio Gigio e Paul) hanno deciso di seguire la strada tracciata senza mai spingere per andare controcorrente e chi lo ha fatto in passato, Hamsik, ha avuto la forza per imporsi.

Nel caso di Donnarumma, però, ci sono due fattori in più: il tempo e il legame che con lui deve avere il calcio italiano, riconoscente per quello che ha già fatto a Wembley e speranzoso di vivere altre pagine di storia. Non è insomma il tempo dei fischi, bensì quello delle braccia aperte. E di una grande richiesta: prendi in mano il tuo futuro e fai la scelta giusta. Magari quella meno remunerativa nell'immediato, ma che consenta una crescita graduale senza sbalzi. Che sia in Italia o altrove, ma che sia fatta pensando non solo al conto in banca. Quel progetto - il Psg degli straricchi - si sta rivelando sbagliato. L'unico modo per non rimpiangere un giorno il tempo perduto è capirlo e prendersi in mano il proprio destino, anche a costo di rimetterci qualcosa.

tutte le notizie di