DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

PIU' VAR POSSIBILE

CAPU…T DERBY – Così Var

CAPU…T DERBY – Così Var

Il gol annullato a Bennacer usato da chi vorrebbe tornare al passato, senza tecnologia per gli arbitri. Invece la video assistenza funziona e pure bene...

Redazione DDD

di Giovanni Capuano -

Il gol annullato a Bennacer nel derby che è valso all'Inter la finale di Coppa Italia rischia di diventare l'immagine simbolo della stagione rossonera anche al di là del suo peso reale. I vertici arbitrali non hanno sciolto il dubbio se andasse davvero cancellato o meno per la posizione di Kalulu davanti ad Handanovic: attiva o passiva? E se non si sono chiarite le idee Rocchi e i dirigenti dell'AIA con una giornata a disposizione è inumano pensare che potesse fare qualcosa di definitivo Mariani in poche manciate di secondi sul prato di San Siro.

 La rubrica di Giovanni Capuano

Personalmente non avrei tolto la rete a Bennacer considerando lo sviluppo complessivo dell'azione e la distanza tra Kalulu e Handanovic, altro parametro che si tiene in considerazione in dinamiche simili. Ma è un'opinione come tutte le altre e, regolamento alla mano, tutte hanno qualche chance di essere supportate. Qui sta il punto. Si è aperto l'ennesimo processo al Var basandosi su un evento in cui gli arbitri avrebbero perso comunque, qualunque fosse stata la loro decisione. C'è una volontà di revisionismo che è tafazziana perché chi oggi grida allo scandalo per la rete di Bennacer nel derby dimentica quali e quanti errori sul fuorigioco sono stati sanati in questi anni grazie alla tecnologia.

La soluzione non è meno Var ma più Var. Sempre e comunque. Una garanzia di trasparenza e correttezza soprattutto quando si discute di centimetri e di posizioni geografiche dei calciatori in campo. E non vale l'argomentazione secondo la quale ormai davanti al televisore si interviene anche per violazioni millimetriche che cancellano reti: è la natura stessa del fuorigioco, dentro o fuori anche di pochissimo, senza tolleranza. Avanti tutta, insomma, e meno discussioni sterili. Nel caso del derby di San Siro è stata comprensibile la stizza di Pioli, scottato anche da qualche altro precedente stagionale. Meno comprensibile, invece, trasformare il velo di Kalulu davanti alla porta interista nell'unica chiave per spiegare perché l'Inter va in finale e il Milan no.

tutte le notizie di