DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

UN DUELLO CON POCHISSIMI PRECEDENTI

CAPU…T DERBY – Il Campionato più bello del mondo

CAPU…T DERBY – Il Campionato più bello del mondo- immagine 1

Vent'anni fa il crollo dell'Inter e lo scudetto della Juventus vinto all'ultima giornata. Uno scenario che, purtroppo, torna a ripetersi solo 7300 giorni dopo...

Redazione DDD

di Giovanni Capuano -

Sono trascorsi vent'anni esatti dal 5 maggio 2002, il giorno più dolce per i tifosi della Juventus e amaro per gli interisti. Tutto in un 90 minuti, allora: il crollo di Cuper all'Olimpico e il trionfo di Lippi a Udine. Un ribaltone reso ancora più incredibile dalla presenza della Roma come terzo incomodo, teoricamente in corsa fino all'ultimo per lo scudetto. Qualcosa di eccezionale come concentrazione di emozioni che non si è più ripetuto in Italia, o quasi, fino a quest'anno.

CAPU…T DERBY – Il Campionato più bello del mondo- immagine 2

Dal 2002 a oggi solo in un paio di occasioni la lotta scudetto si è trascinata fino all'ultima giornata, seppure con implicazioni emotive inferiori a quel 5 maggio. E' successo nel 2008 e nel 2010, sempre con l'Inter protagonista e vincente: la doppietta di Ibrahimovic a Parma mentre la Roma si fermava a Catania dopo essere stata tricolore fino all'intervallo e il gol di Milito a Siena nel mese magico del Triplete (Roma tenuta a 2 punti in un finale di stagione convulso). Altro non si ricorda. Il Napoli dei 91 di Sarri abdicò alla penultima nella corsa con la Juventus e il meglio si era consumato prima, tra San Siro e hotel di Firenze, mentre l'estate del lockdown consegnò a Sarri e alla Juventus uno scudetto solo statisticamente al fotofinish (83 punti contro gli 81 dell'Inter) perché in realtà tutto era stato definito e festeggiato con ampio anticipo.

Oggi la Serie A si ritrova tra le mani un tesoro di valore inestimabile. Il duello tra Milan e Inter è unico in Europa e, come visto, ha troppi pochi precedenti nel terzo millennio. Merita due considerazioni: la prima è che è un peccato capitale sporcarlo con veleni e polemiche come sta capitando da troppe settimane, la seconda è che bisogna chiedersi cosa si debba fare perché sia così sempre e non solo una volta ogni ventennio per grazia ricevuta. Nel calcio spettacolo in cui a noi è destinata la parte dei poveracci seduti sul divano a guardare, invidiosi, la qualità degli altri è l'unico gancio cui aggrapparsi per tenere viva la passione. Servono tanti 5 maggio, stadi pieni, emozioni anche violente e passione che si accende per non spezzare il filo che ci ha fatto innamorare del gioco più bello del mondo seguendo il campionato più bello del mondo.

tutte le notizie di