DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

NON E' PIU' IL PORTIERE DELL'EUROPEO

CAPU…T DERBY – La bugia di Donnarumma

FLORENCE, ITALY - NOVEMBER 09: Gianluigi Donnarumma of Italy in action during a Italy training session at Centro Tecnico Federale di Coverciano on November 09, 2021 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Ha garantito che le panchine al Psg non lo stanno danneggiando ma non è vero. La scelta sua e di Raiola rovina anche la Nazionale

Redazione DDD

di Giovanni Capuano -

L'ultima sosta nazionale con le partite contro Svizzera e Irlanda del Nord andate male per la Nazionale di Mancini, ha confermato che esiste un problema Donnarumma e che il calcio italiano deve augurarsi che in qualche modo si risolva nei prossimi mesi per ritrovare una delle certezze della squadra campione d'Europa. Ha detto Gigio che la convivenza con Navas a Parigi lo disturba ma, ha garantito, senza conseguenze tecniche e sul suo rendimento. Purtroppo non è così. Gli errori di Roma e Belfast lo dimostrano e l'unica consolazione è che non sono costati nulla all'Italia che ci ha pensato per conto suo a mettersi nei guai. Però è un problema, anche perché dal portiere celebrato in estate come migliore di tutto l'Europeo è lecito non solo aspettarsi una continuità che sta mancando, ma se possibile anche qualcosa in più che aiuti il resto della squadra a tirarsi fuori dalle secche di un momento di difficoltà.

 La rubrica di Giovanni Capuano

Insomma, ogni settimana che passa prende forma l'idea che Donnarumma abbia sbagliato e non di poco la scelta della sua destinazione dopo l'addio al Milan. Ha sbagliato lui e ha sbagliato chi lo ha infilato in una gabbia dorata, leggasi spogliatoio che preferisce il suo rivale il quale, va detto, è anche un ottimo portiere. Non significa che Donnarumma debba essere accantonato da Mancini - ci mancherebbe - ma che è il momento di dire le cose con quella chiarezza mancata per tutta la scorsa stagione, quando il portiere ha giocato con i sentimenti dei milanisti.

La storia di Gigio può anche essere monito per altre stelle e stelline in rampa di lancio. Non sempre la bontà di una scelta professionale si misura solo dal numero degli zeri del bonifico di fine mese, a volte entrano anche altri parametri. Parigi adesso non era una decisione logica malgrado lo stipendio super garantito, trattamento di lusso compreso al suo agente. A proposito del quale, sorprende come venga trattato con deferenza e misurato nel suo lavoro solo dalla quantità di denaro che fa cadere sui suoi assistiti. La storia dice che molte volte hanno solo sfiorato la grandezza definitiva, speriamo che con Donnarumma cambi il finale.

tutte le notizie di