DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

TRE SCENARI...E MEZZO

CAPU…T DERBY – Scudetto, ecco chi lo vince…

CAPU…T DERBY – Scudetto, ecco chi lo vince…

Tre scenari (e mezzo) per aiutare a comprendere la volata per il titolo. Poche certezze ma un’indicazione chiara sulla squadra favorita

Redazione DDD

di Giovanni Capuano -

Novecento minuti di campo a disposizione (l’Inter ne ha 90 in più), un solo scontro diretto in calendario e una serie di variabili in continua evoluzione. Benvenuti nella volata scudetto più bella e difficile da leggere degli ultimi anni, con equilibri che cambiano settimana dopo settimana e tendenze pronte ad essere smentite a giornate alterne. Chi vince la Serie A più ‘too close to call’ degli anni Duemila? Chi racconta di avere certezze mente come pure chi continua indiscriminatamente a tenere dentro tutti. Non è così, anche se la quota scudetto si è abbassata nell’ultimo mese tanto che potrebbero bastare anche meno di 85 punti. Sicuri? No. Non è certo nemmeno questo. Guai a fidarsi dei segnali per un motivo semplicissimo: ogni proiezione statistica si basa anche sull’esperienza pregressa e questo è il primo campionato con i gironi asimmetrici. Non ci sono precedenti, si naviga a vista.

 La rubrica di Giovanni Capuano

Ecco, però, tre scenari e mezzo basati sui numeri che possono fare da bussole per cercare di interpretare il finale di stagione. Avvertenza: nessuno dei tre (e mezzo) da solo può essere esaustivo, ma tutti insieme offrono una risposta alla domanda su chi sia la favorita, seppure di poco, nella volata.

Scenario 1 – Cosa succede se le pretendenti replicano nelle ultime dieci giornate i risultati dell’andata con le stesse avversarie? Lo scudetto va all’Inter con la quota più alta possibile in tutte le simulazioni (87) frutto del copia-incolla del momento migliore della stagione nerazzurra con due soli pareggi (Juventus e Sampdoria) e tutte vittorie. Poi il Milan (84) seguito dalla Juventus (76) con sorpasso al Napoli (72) atteso da alcuni confronti con chi, a dicembre, ha messo i bastoni tra le ruote alla corsa dei partenopei come Atalanta, Empoli e Spezia. Scenario non del tutto affidabile perché molte cose cambiano tra un girone e l’altro…

Scenario 2 – Cosa succede se le pretendenti viaggiano da qui alla fine con la stessa media punti delle ultime 10 giornate? A vincere sarebbe il Milan con la quota più bassa possibile (81), scavalcando l’Inter (78) con Juventus e Napoli (75) appaiate al terzo posto. I nerazzurri pagherebbero il calo di febbraio e, statisticamente, nemmeno la vittoria nel recupero di Bologna basterebbe ad alzare la proiezione a quota scudetto visto che l’arrivo a pari punti premierebbe il Milan. Scenario più credibile di quello precedente, ma anche in questo caso con dei limiti…

Scenario 3 – Cosa succede le quattro big replicano la media punti delle ultime 5 giornate così da fotografare lo stato attuale di condizione? Scudetto al Milan (82) e crollo Inter (64) con Juventus (75) e Napoli (73) a mettersi davanti ai campioni d’Italia uscenti che sconterebbero pure il sorpasso delle romane in zona Champions League con la Lazio quarta (66) e la Roma quinta (65). Tra tutti gli scenari è il meno affidabile, perché la forbice di rendimento in questo piccolo segmento è stata talmente ampia tra le diverse pretendenti da moltiplicare gli effetti di una condizione temporale ben oltre il prevedibile.

Scenario 3 (e mezzo) – Cosa succede se le quattro replicano i risultati delle ultime 14 giornate, la striscia senza sconfitte che ha fatto rientrare almeno potenzialmente la Juventus nei giochi? Scudetto sul filo all’Inter la cui proiezione sale a 80,7 contro gli 80 punti del Milan. Decide il recupero (chissà quando) dei nerazzurri con il Bologna. Dietro sorpasso della Juventus (76) sul Napoli (73). Vale come lo scenario 2, credibile ma con dei limiti…

In questo gioco, che solo gioco non è, emerge una tendenza: il Napoli e la Juventus non hanno chance con nessuna combinazione, anche se la classifica lascia aperte le possibilità dei partenopei che non possono essere di certo tagliati fuori a prescindere. Se si fa la media dei quattro scenari, la quota scudetto si attesta a 83 punti, raggiungibili dalla Juventus solo a patto di vincere sempre. E tra Inter e Milan? La media aritmetica dice Milan, quella più costante sopra quota 80 in qualsiasi analisi. E’ la favorita? Ci sbilanciamo e diciamo sì anche se virtualmente ad oggi seconda in classifica. La spiegazione nasce dall’incrocio degli scenari: per fare più di 82 punti (la media dei rossoneri) l’Inter dovrà cambiare passo in maniera netta rispetto all’andamento delle ultime 5, 10 e 14 giornate. Nessuna delle tre proiezioni la colloca a quota 83. E’ un destino scritto? No, ci mancherebbe. Però un’indicazione da questo giochino statistico emerge. A fine maggio la sentenza.

 

tutte le notizie di