L’EDITORIALE DI MAURO SUMA – Caro Tg5, visti gli azzurri a Reggio Emilia? Chi sarebbe quel “qualcuno” a cui il calcio non piace più?!

Analisi e approfondimenti

di Redazione DDD

E’ stato un bel weekend di calcio. Molto bello. Tanti derby combattuti e molto sentiti in Serie C. Le partite fra le Nazionali. Il confronto equilibrato, teso, vibrante, vero, fra Milan e Roma ai vertici della Serie A femminile. E poi l’Italia della Città del Tricolore, l’Italia di Reggio Emilia che potrebbe portarci a vincere qualcosa di importante dopo anni di bocconi amari. Eppure è stato un weekend iniziato, presentato e introdotto nel migliore dei modi. Era sabato sera e un servizio cupo e acre del Tg5 proponeva un elenco indistinto di contagiati dal virus nel calcio per chiudere con la frase micidiale: a qualcuno questo calcio e questo campionato iniziano a non piacere più? Come minimo intempestivo, a ridosso della bellissima risposta di campo datata dalla Nazionale azzurra a Reggio Emilia: fresca e brillante, motivata e determinata, nonostante il record di assenze.

L’Italia a Reggio Emilia (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Caro collega, per tante persone che sono in lockdown e che sono in isolamento il weekend sarebbe stato molto più triste e deprimente senza il calcio che “a qualcuno” non piace più. Il calcio che ha sì diversi contagiati e che tra Napoli e Lazio costruisce casi poco edificanti, ma non impatta sul servizio sanitario, si autoisola e dopo le opportune quarantene vede i suoi giocatori e allenatori tornare in campo. Chi è quel “qualcuno”? Un politico potente? Un medico di quelli dei comitati che contano? O era solo un servizio fatto di cattivo umore? Magari un testo costruito sopravvalutando i dati del contagio nel calcio per motivi d’ascolto, Fatto, però, dopo giorni in cui autorevoli dirigenti del calcio hanno adombrato il rischio del default. E se il calcio si fermasse, quel “qualcuno” poi il calcio rischia di non rivederlo più in campo per tanto, tantissimo, tempo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy