IL DERBY DELLA SETTIMANA – Juve-Napoli 3-0 a tavolino, per il momento…

Il Giudice sportivo sancisce lo 0-3 a tavolino per la Juventus e commina 1 punto di penalizzazione al Napoli: non sussistono cause di forza maggiore. Ma la società partenopea annuncia ricorsi

di Consuelo Motta, @Consuelo_Motta

Doveva disputarsi il 4 ottobre scorso, ma gli avversari non si sono presentati allo Juventus Stadium. Nonostante questo, Juve-Napoli ha fatto abbondantemente parlare di sé nelle ultime due settimane, e dopo una lunghissima attesa è arrivata finalmente la decisione del giudice sportivo che ha sancito la vittoria a tavolino per i bianconeri e penalizzato ulteriormente i partenopei di 1 punto in classifica.

Photo by Valerio Pennicino/Getty Images

Brevemente: la partita si sarebbe dovuta giocare domenica sera, ma sabato il Napoli non è partito per Torino asserendo un’imposizione da parte dell’ASL, e quindi una disposizione regionale inderogabile. Le specifiche dell’ASL sono arrivate domenica pomeriggio, ma il viaggio era già stato disdetto dal Napoli il giorno prima. Questa e molte altre situazioni non chiare sono state rimesse al Giudice Sportivo che, martedì 6 ottobre ha richiesto tutta la documentazione necessaria alla valutazione del caso.

La sentenza, arrivata nella giornata di mercoledì 14 ottobre recita che “considerato, in particolare, avuto riguardo alle peculiarità del caso di specie, che non risulta integrata, ad avviso di questo Giudice Sportivo, la fattispecie della forza maggiore, così come descritta dalle norme federali”, cioè dall’articolo 10 del codice di Giustizia sportiva. Quindi piena attuazione del protocollo siglato dalle Istituzioni calcistiche e dal Cts del governo.

“Gli atti delle Aziende sanitarie delineano un quadro che non appare al Giudice affatto incompatibile con l’applicazione delle norme specifiche dell’apposito Protocollo sanitario FIGC e quindi con la possibilità di disputare l’incontro di calcio programmato a Torino”, si legge ancora.

Derby terminato? Non direi. Il giudice Mastrandrea ha applicato pienamente le norme sportive, precludendosi però una completa valutazione sulle decisioni delle autorità sanitarie. Quindi una sentenza che permette al calcio di andare avanti, che evita di creare un precedente pericolosissimo, ma che regala ampio spazio al Napoli per impugnare la sentenza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy