DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

QUANDO SONO GONFIATE...

ORDINE DEL…GIORNO – Pene più efficaci: le plusvalenze sono concorrenza sleale

Il presidente Agnelli a Casa Milan

Il verdetto dopo Pasqua

Redazione DDD

di Franco Ordine -

Una raffica di multe e alcuni anni di squalifica. Le richieste presentate ieri dal procuratore federale Giuseppe Chinè al tribunale federale nazionale per punire le società coinvolte nell’inchiesta sportiva sulle plus-valenze, si può riassumere così. Il verdetto sarà pronunciato probabilmente dopo Pasqua e di sicuro non modificherà la sostanza dei provvedimenti. Fanno notizia le inibizioni chieste, dai 12 mesi per Agnelli, ai 16 mesi e 10 giorni per Paratici, dagli 11 mesi e 5 giorni per Aurelio De Laurentiis ai 9 mesi per Chiarelli, l’ad del Napoli calcio, indicati come i protagonisti delle operazioni. Fanno notizia anche perché, al netto delle dimensioni, concretamente non rappresentano un “vulnus” nell’attività calcistica.

 La rubrica settimanale di Franco Ordine

Nel concreto non potranno rappresentare la società nelle assemblee e nemmeno frequentare gli spogliatoi degli stadi o avere contatti con altri tesserati. Questo significa che l’illecito amministrativo è quasi retrocesso a operazione conveniente se nel frattempo le plus valenze realizzate, non rispondenti ai valori correnti del calcio-mercato, hanno prodotto effetti viziosi, tipo l’iscrizione ai campionati. Ecco perché forse è venuto il tempo -chiusa questa parentesi- di pensare a pene e provvedimenti più efficaci per stroncare il ricorso a questa tecnica. Le plus-valenze, quando effettive, sono un toccasana. Quando invece sono “gonfiate” ad arte rappresentano una concorrenza sleale nei confronti dei club virtuosi.

tutte le notizie di