DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

DUELLI

TACKLE DURO – Il derby dei media su Milan e Inter da Scudetto

MILAN, ITALY - NOVEMBER 07: Rafael Leao of AC Milan competes for the ball with Nicolo Barella of FC Internazionale during the Serie A match between AC Milan and FC Internazionale at Stadio Giuseppe Meazza on November 07, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli - Inter/Inter via Getty Images)

Nel turno in cui le Big hanno vinto il derby di Milano sembra la sfida che infiammerà anche il duello Scudetto, con l’Inter che potrà contare sulle motivazioni di Brozovic, e il Milan che punta su Leao

Redazione DDD

di Roberto Dupplicato -

Sulla maglia del Venezia tirata da Florenzi in area di rigore rossonero domenica sul web si è scatenato il panico, un caos di polemiche e contumelie che sono andate avanti nonostante la vittoria per 3-0 del Milan in laguna. Perché la squadra di Pioli non lo puoi fermare con una polemica, è un 11 che da due anni sa affrontare ogni partita con coraggio e voglia di vincere: questo alla fine premia i rossoneri oltre le - legittime - polemiche sui rigori. Inter e Juve poi hanno vinto più delle altre, scrive sul Corsera Sconcerti e numeri alla mano ha ragione, perché alcune partite come gli scontri diretti valgono sei punti e quindi le vittorie della Juve con la Roma e quella dell’Inter con la Lazio sono pesanti, perché ottenute in rimonta e nonostante gli assalti finali dei biancocelesti. Punti che fanno ritrovare a Inzaghi la vetta in attesa della sfida col Bologna e che ridanno un posizionamento più giusto al vertice della classifica, dove si avvicina la scalcinata banda Allegri.

 Tackleduro: la rubrica

Ma ormai, dati i rinvii, sui giornali si parla apertamente di campionato falsato, come ha fatto anche Zazzaroni sul Corsport. Effettivamente la scelta della Lega di non stilare un protocollo anche per la stagione in corso è stata un autogol. Poi, a caos positività scoppiato, si è cercato di mettere una toppa con un tempismo comico, il 6 gennaio (2022): con alcune partite già saltate e da recuperare chissà quando, un casino figlio delle vacanze dei calciatori e anche dei dirigenti a Dubai. Sono saltate poche ma importanti partite. Come Bologna-Inter, che non si sa quando si giocherà e con tre punti che, alla fine, potrebbero pure risultare decisivi per lo Scudetto. Quando si recupera? Chissà che casino succederebbe col doppio ex Mihajlovic in mezzo tra Milan e Inter e che proprio in questi giorni recrimina sui giornali sulla fine del suo rapporto coi rossoneri.

Ma parlando di Scudetto va detto che il titolo non sembra più alla portata del Napoli. Nonostante la buona partenza di Spalletti e la vittoria sulla Samp, in meno di due mesi gli azzurri si sono fatti risucchiare 14 punti, oggi 11, proprio dall’Inter di Inzaghi. Forse le sconfitte con Empoli e Spezia hanno segnato la stagione azzurra senza un vero perché, perché davvero quei due giri a vuoto oggi gridano vendetta e restano inspiegabili. O sono spiegabili con le polemiche interne tra la squadra e proprietà… mai risolte dal ritiro ancelottiano. E con la Juve che, questo e il prossimo anno - dice Allegri -, non potrà puntare al tricolore, lo Scudetto anche quest’anno resterà a Milano: forse sarà quello della seconda stella nerazzurra, o la seconda vittoria di Brozovic: centrocampista tuttofare vero motore e cervello dell’Inter. Il suo rinnovo è ormai imminente ed è il calciatore che i tifosi milanisti temono di più, dopo Calhanoglu, ovviamente. Il Milan però può contare su un Leao mai così in forma: sul palestrato portoghese si sprecano i paragoni con Henry (non quello del Venezia trattenuto da Florenzi…) e sembra l’uomo in più per la volata Scudetto appena inziata: un tricolore alla milanese, dove non mancheranno schermaglie mediatiche.

tutte le notizie di