Dinamo Dresda, capitan Lowe in lacrime: “Siamo degli idioti e paghiamo per tutti, ci hanno massacrati di partite…!”

La retrocessione della Dinamo Dresda ormai è inevitabile. Proprio per questo, il capitano Chris Löwe è scoppiato in lacrime.

Lacrime, rabbia e pochissime possibilità ormai di salvarsi: per la Dinamo Dresda le luci della 2.Bundesliga, la Seconda divisone tedesca, presto le luci si spegneranno, la squadra sembra essere alla fine della sua corsa. La Dinamo ha perso 2-0 contro l’Holstein Kiel e il Karlsruhe ha cinque punti di vantaggio, e una differenza reti nettamente migliore, a due giornate dalla fine del campionato. Dopo la partita, la frustrazione è cresciuta nella Dinamo Dresda dopo otto partite in 22 giorni, come dimostra il capitano Chris Löwe. “Ci spacchiamo il culo ogni tre giorni e questi sono i risultati”, così il giocatore ha rimproverato la Federcalcio tedesca per il ciclo ravvicinato di partite.

Le sue parole a Sky: “Pensate che qualcuno nella Lega tedesca pensi solo per un secondo a quello che sta succedendo nella nostra testa? Non importa a loro. Siamo noi quelli che pagano il fottuto prezzo per tutta la merda”. A causa di numerosi test Covid positivi in ​​preparazione al riavvio della seconda divisione, tutti i giocatori della Dinamo Dresda hanno dovuto subire una quarantena nazionale di 14 giorni. La Dinamo ha quindi continuato la stagione con una sola settimana di allenamento nelle gambe, molto poco per dover poi giocare ogni tre giorni per tre settimane. Ancora Lowe: “Le persone siedono sulle loro sedie da ufficio da 5000 euro, prendono decisioni sulla nostra testa e noi siamo gli idioti che pagano per l’intera faccenda. La domanda è se la stessa cosa sarebbe successa a Monaco o Dortmund o solo a noi?”, Ha chiesto Löwe con voce tremante e lacrime negli occhi, mentre vede se stesso e il suo club traditi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy