I “passi” indietro della Juventus, il “passo” Scudetto dell’Atalanta

Dopo il 2-2 di Torino

“Il diverbio col tifoso del Napoli? Io non sono coinvolto. Abbiamo invitato la persona a Zingonia, vedrete quando viene fuori chi è”. Così l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha commentato quanto accaduto a Bergamo prima della partenza per Torino, dove stasera i nerazzurri hanno affrontato la Juventus: un tifoso del Napoli si è rivolto in modo ironico al tecnico degli orobici e un componente dello staff dell’Atalanta, il team manager Mirco Moioli, ha risposto con una frase (“Terrone del c…”) finita anche al centro di un’inchiesta della procura Figc.

Il tecnico dei bergamaschi ha analizzato anche il pareggio in casa dei bianconeri: “Mai come questa sera avremmo meritato di vincere ma a volte nel calcio la prestazione non basta”. Poi Gasperini ritorna sul rigore assegnato alla Juventus per il fallo di mano di De Roon che ha fissato il risultato sul 2-2: “Il regolamento è questo in Italia. Deve cambiarne l’interpretazione, per me è un’eresia. Il primo rigore era nettissimo… Il regolamento è questo in Italia, per me è un’eresia. Oggi ci è capitata contro e fine. C’è un’interpretazione uguale in un altro campionato? No. Cosa facciamo, gli tagliamo le braccia? Le braccia dietro la schiena si mettono ai bambini per farli imparare a dribblare… Deve cambiare l’interpretazione del regolamento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy