Pioli e Sarri: Milan-Juve in controluce attraverso la situazione dei due allenatori nella notte di San Siro

I meriti di Pioli, le lacune difensive di Sarri

Stefano Pioli è stato intervistato da DAZN nel postpartita di Milan-Juventus: “Non sto pensando per niente al 3 agosto, sto pensando alla gara col Napoli, a fare bene quello che mi piace fare. Siamo diventati squadra, ci conosciamo bene. Non sto pensando a cosa succederà il 3 agosto perché sto troppo bene con la squadra, quello che sarà sarà, non sono preoccupato per quello che sarà il mio futuro. Sarebbe giusto toglierci anche qualche altra soddisfazione per il lavoro che stiamo facendo- Siamo stati bravi a sfruttare l’episodio del rigore, da lì abbiamo ritrovato convinzione. Dispiace per i gol presi, potevamo difendere molto meglio. Nel primo tempo stavamo bene sul campo, la gara era equilibrata. Ci siamo fatti sorprendere sul primo gol e anche sul secondo dovevamo difendere meglio”.

Stefano Pioli e la sua rimonta

Ancora sul futuro: “Mi aspetto di finire bene il campionato e di centrare l’obiettivo per il quale siamo stati chiamati. Abbiamo passato anche momenti delicati, a volte non siamo riusciti a raccogliere risultati importanti. Il mio desiderio è di allenare, mi piace quello che faccio, ho trovato una squadra con cui sto bene, poi quello che sarà lo vedremo al 3 agosto. Non sto pensando al mio futuro, non è mai successo giocare in questo periodo, il dispendio di energia è importante, non posso spendere energie per pensare a situazioni che non dipendono solo da me”. Su Napoli-Milan: “Stiamo bene ma non abbiamo fatto ancora niente, dobbiamo recuperare energie e pensare al Napoli, contro un grande avversario e contro un grande allenatore, lo ha fatto al Milan e lo ha confermato al Napoli”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy