DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

DA CAMPIONE DEL MONDO A CAMPIONE DEL MONDO

Campioni del mondo, Petit: “Mbappé è l’albero che ricopre la foresta del PSG”

MADRID, SPAIN - MARCH 09: Kylian Mbappe of Paris Saint-Germain celebrates scoring their opening goal during the UEFA Champions League Round Of Sixteen Leg Two match between Real Madrid and Paris Saint-Germain at Estadio Santiago Bernabeu on March 09, 2022 in Madrid, Spain. (Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

L’ex centrocampista di Monaco, Arsenal, Barcellona e Chelsea elogia a modo suo l’attaccante del Paris Saint-Germain

Davide Capano

Tutti parlano di Mbappé. Il suo contratto col Paris Saint-Germain scade a giugno e il ragazzo rimane in silenzio sui piani futuri. Il Real Madrid lo tenta e nelle ultime ore sarebbe entrato in scena anche il Barcellona.

 (Photo by Marco Bertorello - Pool/Getty Images)

Emmanuel Petit, campione del Mondo nel 1998 e d’Europa nel 2000 con la Francia, ha parlato con “TalkSport” del numero 7 dei parigini: “Mbappé è come un pesce. È come pescare con le mani, impossibile prenderlo. Non hai idea di quanto sia veloce. L’ho visto giocare da molto vicino e la qualità che ha nei suoi piedi, nelle sue virate...È fenomenale”.

Poi l’ex centrocampista di Monaco, Arsenal, Barcellona e Chelsea comprende quando Mbappé chiede agli arbitri di proteggerlo in un certo modo. “Quando vedi Saka all’Arsenal si lamenta e chiede protezione agli arbitri – spiega –. È lo stesso con Mbappé in Francia e ovunque vada. Gli avversari cercano sempre di abbatterlo. Cercano sempre il contatto fisico, ma è impossibile da acchiappare”.

 (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)

(Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images)

Per Petit, Kylian è molto simile a Henry: “Mi ricorda lui dal punto di vista qualitativo. Ad essere onesti, mi sorprende ogni fine settimana”.

Infine il 51enne sottolinea positivamente il modo in cui il giocatore abbia tenuto la schiena dritta in quest’annata, nonostante una partenza piuttosto convulsa. “All'inizio della stagione, Mbappé veniva fischiato dai suoi stessi fan ogni weekend. Manteneva la calma e diceva ‘Voglio stare qui’. Così è stato. Parla, ma fa anche delle cose sul campo che fanno sì che il 90% dello spogliatoio del PSG lo segua. Mbappé è l’albero che ricopre la foresta del PSG”.

tutte le notizie di