DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

SCELTA SUI GENERIS PER “THE SPANISH COCKNEY”

Ecco perché il Betis: per scegliere la sua nuova squadra Bellerin si è affidato ai “Big Data”…

SEVILLE, SPAIN - FEBRUARY 27: Hector Bellerin and Guido Rodriguez of Real Betis challenge Ivan Rakitic of Sevilla FC during the LaLiga Santander match between Sevilla FC and Real Betis at Estadio Ramon Sanchez Pizjuan on February 27, 2022 in Seville, Spain. (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Il 27enne difensore spagnolo ha utilizzato un curioso sistema per scegliere la squadra in cui adesso milita

Davide Capano

La tecnologia sta avanzando a passi da gigante e ci sono sempre più risorse che possono essere utilizzate in relazione allo sport. In questo senso, il caso di Héctor Bellerín ha sorpreso tanti poiché il giocatore, attualmente al Betis Siviglia, ha deciso la scorsa estate di firmare per la squadra allenata da Manuel Pellegrini, dopo aver fatto una “ricerca tecnologica”.

 (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

(Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Sì, perché il 27enne difensore spagnolo ha lasciato l’Arsenal e, al momento di analizzare le varie opzioni sulla tabella, ha fatto affidamento sui big data per decidere. “Ho applicato i big data per decidere in questa pre-season quale fosse il migliore club per me, in base al mio modo di giocare, al tipo di allenatore, e il Betis è stata una delle squadre migliori per il modo in cui ha l’allenatore ama utilizzare i terzini e per la proiezione del team prevista per la stagione”, ha raccontato in un’intervista a La Media Inglesa.

“Non so cosa penserà la gente, ma la proiezione che mi è stata data dai big data era che il Betis avrebbe avuto un ottimo anno in questa stagione, quindi puoi vedere come funzionano queste macchine. Li ho usato molto per questo tipo di cose, penso che le statistiche mostrino tutto ma a volte non anche la cosa più importante. Sento che in qualche modo un giocatore può influenzare il gioco in modi che non sono calcolabili con i numeri”, ha aggiunto.

 (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Bellerín ha poi svelato che suo padre è un tifoso del Betis e il giorno in cui la società andalusa ha annunciato l’acquisto del figlio è esploso dall’emozione: “Era come se fosse arrivato alla Disney, è stato molto bello da vedere. Inoltre, non è una persona molto espressiva, è stato bellissimo da vedere. Momenti che il calcio ti regala. Ho una famiglia molto bética e ha molto significato per me e per loro poter essere qui”.

Nonostante l’amore del papà per i colori biancoverdi, i big data sono stati il ​​fattore chiave nella sua decisione poiché li usa spesso per altri scopi. “Utilizzo maggiormente i big data per guardare il lato fisico del gioco, per vedere se sto ancora andando nella giusta direzione, per vedere se c’è una partita in cui ho scattato di meno e perché. Alla fine, puoi provare a migliorare un po' il tuo gioco in questo modo. I numeri sono importanti e un buon aiuto per allenatori e giocatori per migliorarsi, ma il calcio è più fluido dei semplici numeri e bisogna guardare all’effetto di un giocatore in campo da una prospettiva più ampia”, ha concluso il terzino-stilista, i cui nonni avevano una bottega di sartoria dove lui cuciva.

 (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Bellerín ha collezionato 19 presenze in Liga finora e, nonostante alcuni momenti difficili, è già un beniamino dei tifosi al Benito Villamarín.

tutte le notizie di