DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

L’OPINIONE SUL GIOCATORE CHE DOMENICA HA DEBUTTATO MALAMENTE IN QATAR CON L’AL-RAYYAN

Ex Bayern, Paulo Sergio attacca James Rodriguez: “Mentalmente non funziona…”

Ex Bayern, Paulo Sergio attacca James Rodriguez: “Mentalmente non funziona…”

Dopo non essere stato preso in considerazione recentemente dalla Nazionale colombiana, El Bandido è stato fortemente criticato da Paulo Sergio, ex Bayern Monaco e Roma

Davide Capano

James Rodríguez è un calciatore che genera polemiche in diverse parti del mondo e più di uno l’ha criticato. Alcuni lo fanno per le trasmissioni su Twitch, altri per la discutibile continuità calcistica. Stavolta è stato un ex giocatore del Bayern Monaco a non usare parole al miele per il ragazzo attualmente all’Al-Rayyan di mister Laurent Blanc, in Qatar.

Paulo Sergio, che ha vestito la maglia bavarese tra 1999 e 2002, è stato durissimo con il 30enne colombiano, mettendone in dubbio la forza mentale. “È un grande giocatore, un uomo che parla molto bene e che ha avuto un buon periodo al Bayern, mapenso che la sua mente non funzioni”, ha detto in una conferenza a cui ha partecipato MARCA Claro.

Il brasiliano ha confessato di aver seguito da vicino la carriera del Bandido dal suo periodo al Bayern Monaco nel 2017 fino alla fine della stagione 2019 e, quando si è trattato di analizzare i motivi per cui l’ex Everton e Real Madrid ha avuto un percorso instabile negli ultimi tempi, ha tuonato: “Non ha la concentrazione per fare quello che dovrebbe fare, perché ha molte potenzialità per giocare ad alto livello a 30 anni”.

Poi ha anche aggiunto: “Sentivo che non aveva più voglia. Ha giocato una buona partita, una partita più o meno e un’altra cattiva. Devi avere la concentrazione, se no, non giocherai ad alto livello. James non dovrebbe essere lì in Qatar per il suo bel calcio, ma è un giocatore che sta facendo un passo avanti e due indietro. Adesso dovrà abituarsi e tornare al suo livello”.

Nonostante gli ultimi mesi non siano stati i migliori per James poiché per diverse settimane non si sapeva dove sarebbe proseguita la sua carriera dopo l’Everton, ha finalmente trovato un club e debuttato domenica con una sonora sconfitta in casa contro l’Al Duhail per 3 a 0. 88 minuti da dimenticare per Rodríguez al Thani bin Jassim Stadium di Doha, in un campionato non certo di primissimo livello e a cinque mesi dall’ultima gara ufficiale giocata. Insieme a lui in campo anche due voti nel calcio europeo: il campione del mondo francese ed ex Roma Steven N'Zonzi, oltre all’ex Porto Yacine Brahimi.

L’Al-Rayyan è attualmente sesto nel torneo qatariota, con sei punti in sei giornate, a meno dodici dalla capolista Al-Sadd allenata da Xavi, che affronterà venerdì in Emir Cup.

A peggiorare la situazione, il fatto che il centrocampista non sia stato preso in considerazione dal ct Reinaldo Rueda per le recenti gare di qualificazione a Qatar 2022 e, sebbene stia provando a recuperare terreno, pare davvero lontano dai piani del selezionatore della Colombia. I Mondiali del 2014 sembrano un dolce ricordo ormai…

 

tutte le notizie di