DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

CATTIVE NOTIZIE…

Lo hanno fondato nel 1960, ma è scomparso: onore e gloria all’FC Mariupol…

Lo hanno fondato nel 1960, ma è scomparso: onore e gloria all’FC Mariupol…- immagine 1

Il club della città martire della regione di Donetsk ha cessato di esistere. In un documento pubblicato dai media ucraini, i vertici del team spiegano di aver perso tutte le loro infrastrutture a causa dei bombardamenti russi

Davide Capano

Una fine triste. L'FC Mariupol non esiste più da mercoledì sera. Il club, situato nella città assediata di Mariupol nella regione di Donetsk, è ufficialmente scomparso, come annunciato dai vertici in un comunicato stampa diffuso dai media ucraini.

Lo hanno fondato nel 1960, ma è scomparso: onore e gloria all’FC Mariupol…- immagine 2

Avendo perso tutte le sue infrastrutture a causa degli incessanti bombardamenti su Mariupol dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina, l'FC Mariupol non è in grado di riprendersi.

Lo hanno fondato nel 1960, ma è scomparso: onore e gloria all’FC Mariupol…- immagine 3

Ultimo nel campionato, la cui classifica era stata congelata a causa del conflitto, il team della città martire poteva comunque rimanere in prima divisione.

Lo hanno fondato nel 1960, ma è scomparso: onore e gloria all’FC Mariupol…- immagine 4

Il club, fondato nel 1960, aveva già subito le battute d'arresto della guerra del Donbass iniziata nel 2014 e aveva dovuto abbandonare per un po' la sua città per rifugiarsi a Dnipro, prima di farvi ritorno durante la stagione 2015-2016, quando la morte del suo presidente e la guerra l'avevano costretto a essere relegato nella Serie B nazionale. Tornato in prima divisione, l'FC Mariupol ha giocato tutte le partite allo stadio Volodymyr-Boiko, nonostante la linea del fronte fosse a meno di 100 km di distanza. La società del mar d'Azov ha dovuto ristrutturare la sua intera identità e i suoi partner dopo la rivoluzione di Maidan nel 2014. In particolare, ha affrontato il Bordeaux nel turno preliminare di Europa League nel 2018-2019.

Diventati partner dello Shakhtar Donetsk negli ultimi anni, il più grande club della regione, i Blue e Orange hanno preso in prestito una decina di giocatori dell’academy orange ogni stagione. Lo Shakhtar aveva anche reso omaggio alla città di Mariupol durante la partita di beneficenza contro il Fenerbahce, indossando una maglietta con il volto di una ragazza che non vedeva la luce dal 24 febbraio, data dell'inizio dell'invasione russa, poiché rinchiuso in un bunker.

I giocatori dell'FC Mariupol erano al sicuro, lontani dall'Ucraina. Nel ritiro in Turchia prima della ripresa del campionato prevista per la fine di febbraio, la squadra doveva essere una delle ultime a lasciare il suolo turco per tornare in Ucraina e riprendere il campionato il 25 febbraio. Ma il gruppo non è salito sull'aereo che doveva riportarli la mattina del 24 febbraio in un paese dopo la guerra era scoppiata e ha continuato ad allenarsi nelle strutture della federazione turca, che gentilmente se n’è fatta carico.

Il futuro di questi calciatori rimasti in Turchia non è menzionato nel comunicato stampa. I giocatori in prestito dallo Shakhtar si sono uniti al ritiro del loro club di casa, anch'esso con sede in Turchia, e stanno prendendo parte al tour di beneficenza della compagine tredici volte campione d’Ucraina.

tutte le notizie di