DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

DOPO IL GIORNO PIU' BRUTTO...

Olanda, il NEC: “Il sindaco voleva buttarci fuori dallo stadio dopo il derby, ma…”

Olanda, il NEC: “Il sindaco voleva buttarci fuori dallo stadio dopo il derby, ma…”

A fine ottobre il Vitesse aveva vinto 1-0 il derby sul campo del Nijmegen. Era crollata una tribuna dello stadio e ci sono stati tremendi disordini fra i tifosi. Il NEC si è ripreso in classifica e a febbraio il suo stadio sarà di nuovo agibile.

Redazione DDD

Nessun divieto permanente per gli stadi è stato emesso dopo i disordini calcistici che si sono verificati allo stadio Goffert Park questo autunno dopo i disordini del derby della Gheldria olandese (centro-nord del Paese, derby da allerta massima a livello di ordine pubblico), il Gelderse derby, fra NEC e Vitesse. Lo ha detto ieri mattina a Sven 1, il direttore generale del NEC Nijmegen, Wilco van Schaik. E questo mentre il sindaco di Nimega Hubert Bruls, all'indomani delle rivolte degli ultras contro i tifosi rivali, aveva minacciato di revocare la licenza al club olandese per lo stadio. "Capisco che come sindaco a volte deve gridare qualcosa, ma alla fine non è stato così", ha detto Van Schaik. "Mi è dispiaciuto che abbia detto questo".

Sottolinea che legalmente è molto difficile chiudere le porte alle persone a vita. "La pena più alta che abbiamo inflitto è una squalifica dallo stadio di dieci anni. Tuttavia, le condanne in via giudiziaria per quegli episodi sono state emesse rapidamente e questo è un fatto importante", afferma Van Schaik. "Abbiamo collaborato con la polizia in ogni modo possibile". Il ds è soddisfatto delle sentenze che il giudice ha emesso, ma ritiene che un divieto permanente dello stadio sia ancora eccessivo. "In definitiva, alle persone dovrebbe essere data la possibilità di mostrarsi di nuovo". Van Schaik definisce il giorno della violenza dei tifosi il giorno più nero della sua carriera di direttore di calcio. Non solo a causa dei disordini, ma anche perché è crollata una tribuna dello stadio occupata dai tifosi del Vitesse. Miracolosamente si è evitato un dramma. "In quel momento le cose peggiori ti balenano in testa", ricorda Van Schaik. Si riferisce, tra l'altro, al dramma dell'Heysel e al disastro di Hillsborough, che insieme hanno causato più di cento vittime negli anni '80. La rivalità fra la squadra di Nimega e quella di Arnhem è storica: i rivali accusano il Vitesse di essere più aiutato e tutelato dalle istituzioni. Quando il NEC è stato retrocesso dall'Eredivisie nel maggio 2014, i tifosi di Arnhem hanno messo un cartello sul Nijmegen Waalbrug con la scritta: Eredivisie football, quindici chilometri all'arrivo, ovvero la distanza fra Nimega e Arnhem. Al campionato della Jupiler League di NEC un anno dopo, i sostenitori di NEC hanno inviato un aereo sopra Arnhem e lo stadio GelreDome con uno striscione: "Siamo tornati, a presto".

tutte le notizie di