Lo strano destino di Guglielmo Vicario: due volte ai playout e due volte sconfitto…

Lo strano destino di Guglielmo Vicario: due volte ai playout e due volte sconfitto…

Il portiere del Perugia esce sconfitto dai playout per la permanenza in B e purtroppo per lui non è la prima volta. Ancora una volta fatali i calci di rigore

di Marco Varini, @marcovarini

Sono tante le emozioni per un portiere che si appresta a difendere la porta durante i calci di rigore, soprattutto se questi possono sancire la permanenza in B o la retrocessione in C. Ma dopo il termine dei 120 minuti di gioco fra Perugia e Pescara, la mente dell’estremo difensore degli umbri, Guglielmo Vicario, non può che essere tornata ad un altro play-out, quello dello scorso anno fra Salernitana e Venezia.

Ebbene sì, perché l’estremo difensore di quel Venezia era proprio lui, Guglielmo Vicario. Per il suo Venezia arriverà una sconfitta contro i granata, ai calci di rigore, anche se i lagunari verranno poi ripescati in serie B, in virtù dei problemi finanziari (e relativo fallimento) del Palermo. Ma la sconfitta sul campo resta, e quando il match fra Perugia e Pescara è finito ai calci di rigore, Viviano non può non averci pensato.

Tanta la voglia di rivalsa del portiere perugiano, ma purtroppo per lui e per il Perugia la storia si è ripetuta. Nulla ha potuto l’estremo difensore del Perugia sui rigori del Pescara, che vince il playout e rimane in serie B, condannando i Grifoni alla Serie C. Per Vicario una nuova amarezza, ancora dal dischetto, ma chissà che non vi sia anche stavolta un inaspettato ripescaggio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy