Il derby dell’indignazione: da una parte Ancelotti, dall’altra il comune di Napoli

Il derby dell’indignazione: da una parte Ancelotti, dall’altra il comune di Napoli

Oggetto del contendere, le condizioni “incredibili” dello stadio San Paolo di Napoli

di Redazione DDD

di Leonardo Sasso –

Ieri il Napoli sul proprio sito ufficiale ha pubblicato un comunicato di Carlo Ancelotti che denuncia le condizioni degli spogliatoi del San Paolo all’indomani dei lavori per l’Universiade: “Ho visto le condizioni degli spogliatoi del San Paolo. Non ci sono parole. Io ho accettato la richiesta della società di giocare fuori casa le prime due partite per consentire che i lavori si ultimassero, come era stato promesso. In due mesi si può costruire una casa, non sono stati in grado di rifare gli spogliatoi! Dove dovremmo cambiarci per giocare contro Sampdoria e Liverpool? Sono indignato per la scorrettezza e l’inadeguatezza di chi doveva eseguire questi lavori. Come hanno potuto Regione, Comune e Commissari disattendere gli impegni presi? Vedo un disprezzo e un non attaccamento alla squadra della città. Sono costernato”. 

Frasi finite sulle prime pagine di tutti i giornali. Con le foto, come quelle di Repubblica, impietose nei confronti dello stato dell’arte a Napoli.

Ma non solo. Si è aggiunto anche il fatto che sempre ieri la direttrice dei lavori per lo Stadio San Paolo, Filomena Smiraglia, aveva dichiarato di aver ricevuto i complimenti del Napoli per gli spogliatoi. Complimenti che sarebbero stati fatti da Edoardo De Laurentiis proprio ieri, in occasione del sopralluogo al San Paolo da cui poi è scaturito il j’accuse di Ancelotti. E’ arrivata però la smentita della Società. Su Twitter, il club scrive che il vice presidente non ha mai fatto i complimenti alla Smiraglia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy