Polonia, lo sfogo di Milik: “Se pensavo solo ai soldi sarei rimasto a Napoli, volevo andare via per crescere”

Arkadiusz Milik: “Soffrirò un pò ma resisterò, capisco che i tifosi rimanevano sorpresi quando ogni giorno apparivano notizie scioccanti su di me. Spero che capiscano la mia prospettiva”, ha affermato il bomber polacco a WP SportoweFakty.

di Redazione DDD

WP SportoweFakty ha chiesto a Milik se questo il momento più caldo della sua carriera: “Il mio destino era in gioco fino alle ultime ore del mercato. Almeno ora so dove mi trovo. Sono il capo del ritiro della nazionale e su questo mi concentro. Ma è vero, l’ultima volta è stata molto intensa per me. Si è parlato molto anche di me. Non sempre la verità, quindi vorrei chiarire alcune cose. Il Napoli ha voluto prolungare il contratto con me per altri 5 anni. Il club mi ha dato una scelta: firmare un contratto o andarsene. Ho deciso che mi piacerebbe provare qualcosa di nuovo altrove. Avevo due opzioni e poiché mi rifiutavo di prolungare il contratto, la situazione divenne chiara. Il manager, Dawid Pantak, stava cercando un club per me. C’era interesse da parte di alcune squadre, ci sono stati colloqui. La pandemia di coronavirus ha complicato alcune cose, come è accaduto per molti calciatori. Non ha aiutato neanche me. Ho ricevuto altre offerte in estate. Non voglio fornire dettagli o nomi di squadre. Lo spiegherò diversamente. Affinché il trasferimento avvenisse, era necessario raggiungere un accordo tra il giocatore ed entrambe le squadre. C’è stato il via libera da parte mia. I club non si sono messi d’accordo. E sono rimasto a Napoli. Visite mediche? La Roma ha anche rilasciato un comunicato su questo argomento. Tuttavia, non vorrei commentare a quale squadra ero più vicino”.

Arkadiusz Milik

I tifosi del Napoli ti accusano di pensare solo ai soldi: “Se il mio futuro fosse deciso da questioni finanziarie, estenderei il mio contratto con l’SSC Napoli. Ho ricevuto un’offerta a condizioni molto buone. La vita di un atleta è bella ma breve. Ho 26 anni, voglio crescere, essere un calciatore migliore. Credo che questo sia il momento giusto per provare una nuova sfida. Sono una persona che segue ciò che sente. Fare qualcosa contro te stesso non ha senso per me. Negli ultimi mesi molte cose sono state fraintese ed esagerate. Non c’è mai stata ostilità da parte mia verso il Napoli. Volevo risolvere tutto professionalmente. Ho un grande rispetto per la società, ho trascorso quattro anni meravigliosi a Napoli. Rispetto il Napoli, i tifosi. Ho avuto prestazioni brutte e altre piuttosto buone. Ma ho deciso così. Giusto o sbagliato, ma è una mia decisione. Ai giornalisti italiani piace aggiungere un pò di dramma a questioni semplici. Vivono di pallone, respirano il calcio, ne discutono tutti. In televisione, su giornali, portali, blog. Chiunque può dire quello che vuole, ma non tutte le informazioni sono corrette. Devo ammettere che da quando è scoppiata la “saga con Milik” i fatti veri riportati sono stati pochi”.

Una guerra tra me e il club: “Da parte mia, non esiste certamente un tale approccio. Spero che dopo questa intervista i tifosi capiscano la mia prospettiva e l’intera situazione. Posso assicurarvi che da parte mia non c’è mai stata mancanza di rispetto per la società. Fin dall’inizio, ero pacifico e volevo separarmi in armonia. Non puoi incolpare il giocatore per non aver lasciato, dal momento che non era colpa sua. Il Napoli non ha comunicato con le squadre in cui volevo andare. Con il presidente Aurelio De Laurentiis abbiamo sempre avuto relazioni buone e normali. Il presidente ha la sua mente. Non credo sia stato influenzato da ciò che appare nei media. Di essere fuori dalle liste ufficiali del club per le competizioni di questa stagione l’ho scoperto dai media. Mi aspettavo una decisione del genere, ma la mancanza di comunicazione con il giocatore, con me, non è stata professionale. Credo di non essere stato trattato bene alla fine. Ci sono anche altri giocatori nel club che non hanno rinnovato i loro contratti, ma per loro ètutto  tranquillo. Sono stato il capocannoniere della squadra nelle ultime due stagioni, dando sempre il cento per cento. Ho dei rimpianti? No, perché so come funziona. Soffrirò un pò, ma resisterò. Vedremo come andrà a finire tutto. Sono aperto al dialogo. Fino all’ultimo giorno del mio contratto, mi allenerò e giocherò come meglio posso”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy