Multe e trasferte vietate in Puglia: dopo Cerignola-Foggia, disco rosso anche per Foggia-Taranto

Multe e trasferte vietate in Puglia: dopo Cerignola-Foggia, disco rosso anche per Foggia-Taranto

Tifosi Cerignola multati e tifosi Taranto vietati: niente trasferta a Foggia. Tutto per due derby…

di Redazione DDD

E’ stata una bellissima settimana per Francesco Campagna: il 18enne ex Cesena, ha segnato il gol della vittoria nel derby Cerignola-Foggia 0-1: “Sono felice, sto vivendo un momento straordinario. E’ stato il massimo segnare il gol vittoria a Cerignola. Abbiamo vinto un derby importante, ma la corsa è lunga ancora. Con il successo del ‘Monterisi’ abbiamo dato un gran segnale, soprattutto a noi stessi. Possiamo raggiungere l’obiettivo della C, dobbiamo continuare a lavorare. Taranto? Spero di poter essere in campo perchè sono davvero carico. Sarà una partita difficile, bisogna dare il massimo. Posso giocare ovunque, l’ho fatto anche in passato. Seguo le indicazioni del mister”.

Da un derby all’altro, ma sempre senza tifosi ospiti. Dopo il divieto di Cerignola-Foggia, nuovo intervento dello Stato nel girone H di Serie D. Il prefetto di Foggia, Raffaele Grassi, ha ordinato il No alla trasferta per i tifosi rossoblu in occasione della gara Foggia-Taranto, in programma il prossimo 6 ottobre, allo stadio Zaccheria. La gara rientra nei “connotati da profilo di rischio”. Pertanto la vendita dei biglietti è aperta solo ai residenti in provincia di Foggia.

Non solo: il Cerignola è stato multato di 2mila 500 euro con la seguente motivazione degli organi federali: “Per avere propri sostenitori introdotto e utilizzato, nel corso del secondo tempo, materiale pirotecnico (5 petardi e 23 fumogeni). In particolare la contemporanea accensione di un numero ingente di fumogeni (10), all’inizio del secondo tempo, costringeva l’Arbitro a interrompere il gioco per circa 4 minuti. Inoltre i medesimi sostenitori, sul finire della gara, lanciavano due bottigliette semipiene all’indirizzo dell’allenatore avversario. Infine persona non presente in distinta e non identificata, sostava per la intera durata della gara, nei pressi della panchina e, benché invitato ad allontanarsi, non ottemperava”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy