DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

BOTTA E RISPOSTA

Derby e urbanistica: i perugini “No allo stadio-clinica a Terni”, i rivali “L’Umbria non è solo Perugia”

Derby e urbanistica: i perugini “No allo stadio-clinica a Terni”, i rivali “L’Umbria non è solo Perugia”

I perugini inneggiano al capoluogo, i ternani difendono i loro progetti calcistici e non solo calcistici...

Redazione DDD

Gli Ingrifati, storico gruppo del tifo organizzato del Perugia, hanno esposto, sotto la sede del consiglio regional umbro, uno striscione che richiama la vicenda della clinica privata/nuovo stadio a Terni. Progetti che per gli Ingrifati non s’hanno da fare. Due ore dopo il messaggio degli Ingrifati è intervenuto il primo cittadino di Terni, Leonardo Latini: "Il nuovo corso della Regione Umbria non condivide sicuramente il pensiero di questi pochi facinorosi, retaggio di una vecchia mentalità peruginocentrica. Sarò portavoce delle esigenze del territorio perché il progetto stadio-clinica e il nuovo ospedale sono obiettivi da centrare per Terni".

Le vicende politiche, sociali ed edilizie umbre finiscono a questo punto sul tavolo del derby calcistico che si giocherà domani allo stadio Renato Curi di Perugia fra i padroni di casa e la Ternana. Proprio il presidente della Ternana Stefano Bandecchi è stato protagonista nella trasmissione di venerdì sera "L’Anticipo" di UmbriaTv: "Per me – le parole del presidente raccolte da Umbriaon.it – sarà una domenica normale. La Ternana ha altri problemi, siamo 12esimi a poche lunghezze dalla zona retrocessione. Gli Ingrifati? Non credo di aver risposto ai tifosi del Perugia, li faccio molto più intelligenti: ho risposto a tifosi facironorosi, preistorici, che non hanno la testa ben collegata. Uno striscione stupido che crea imbarazzo ai cittadini di Perugia e alla Regione Umbria, bisogna solo essere sciocchini se non stupidi. Stiamo per presentare il progetto stadio-clinica in Regione, costa oltre 300 mila euro. La Regione ha dato il suo assenso al progetto in sede di conferenza di servizi comunale, per far andare avanti l’operazione concepita così come prevede la legge. Che ad un certo punto qualcuno si dimentichi di questa cosa mi fa ridere. Il derby? Sono un po’ scaramantico, l’ultimo volta siamo retrocessi in B dopo aver vinto. Non so cosa mi devo aspettare, non so se devo pregare per vincere o magari perdere per vincere altro. Auguro al Perugia di arrivare secondo. Rapporti con loro? Non ho nessun rapporto, non mi hanno salutato quando sono andati via a Terni nello scorso mese di maggio dopo la Supercoppa".

 

tutte le notizie di