Loghi… Mondiali! E’ derby di colore ed eleganza

Loghi… Mondiali! E’ derby di colore ed eleganza

E’ stato svelato il logo del Mondiale che si disputerà in Quatar nel 2022. Come al solito, ha suscitato interesse e curiosità. Vediamo una carrellata dei loghi più recenti relativi ai Mondiali.

di Valentina Alduini

Il Mondiale di calcio del 2022 si disputerà, come noto, in Quatar. E, come sempre, ci sarà un logo rappresentativo. Qualche giorno fa, è stato svelato proprio quello relativo alla prossima edizione della manifestazione. Il simbolo del Mondiale in Quatar raffigura il numero 8, andando così a ricordare il numero di stadi nei quali si svolgerà la kermesse. Un logo che suscita curiosità, contente caratteristiche legate al mondo arabo ma anche a quello dello sport. E, scrutandolo con più attenzione, rimanda anche al simbolo dell’infinito.

Se il logo che ci accompagnerà nel prossimo Mondiale affascina, non sono stati da meno quelli che lo hanno preceduto negli passati. Vediamo quelli degli ultimi quattro Mondiali giocati. Partiamo dal Mondiale del 2006, disputato in Germania e vinto dall’Italia. In quel caso il logo, nonostante apparisse semplice, era molto divertente ed intrigante. Composto da quattro cerchi, tre dei quali raffiguranti delle faccine, i due centrali, colorati uno d’azzurro e uno di verde, formavano uno “06” che andava a significare l’annata del Mondiale. A fare da contorno, come un semicerchio a lato  della sfera azzurra, tre pennellate che raffiguravano la bandiera tedesca. E, a chiudere, nel cerchio più in basso, sempre colorato di verde, ecco comparire la Coppa. Sotto di esso, la didascalia “Fifa World Cup Germany 2006“.

Passando al logo del Mondiale del 2010, giocato in Sudafrica e vinto dalla Spagna, ecco un’altra giostra di colori e freschezza. In questo caso, il simbolo raffigurava un calciatore (con un font stilizzato e avente al suo fianco la scritta “South Africa 2010“) che calcia un pallone in rovesciata. Oltre ad esso, vi sono sullo sfondo strisce colorate, il nome del paese ospitante e l’annata. Inoltre, in alto era raffigurato lo scudetto Fifa World Cup (scritta indicata poi in basso). D’effetto ma, al contempo, dotato di uno stile delicato.

E che dire del logo del Mondiale del 2014? In quel caso, il paese ospitante era il colorato e caloroso Brasile e, a vincere la manifestazione, fu la Germania. Nella parte sottostante al simbolo, si legge la frase “Fifa World Cup Brasil“. E, il logo, è colorato di giallo e verde. Raffigura una sorta di Coppa del Mondo, formata da figure che potrebbero far pensare a delle mani che si stringono e che afferrano il numero 2014 (l’annata). Insomma, frizzante ma allo stesso tempo non troppo estroso, ha rappresentato al meglio la manifestazione.

Infine, ricordiamo il logo del Mondiale del 2018. Non giocato dall’Italia per la mancata qualificazione, si è disputato in Russia ed è stato vinto dalla Francia. Anche in questo caso, il logo rappresentava una Coppa del Mondo in formato stilizzato. Raffigurato con i colori bianco, rosso, blu, nero e oro, ricordava la bandiera nazionale e gli ornamenti russi. Sotto il disegno, ecco la frase “Fifa World Cup Russia 2018“. Sofisticato e reso più acceso dal colore rosso, ha contribuito a scaldare l’atmosfera scenica della manifestazione.

Dunque, dopo aver rivisitato i loghi degli ultimi 4 Mondiali e dopo aver visto quello del prossimo Mondiale, possiamo dire che è derby tra loro. Qual è il più sfizioso? Difficile scegliere in quanto sono tutti molto particolari ed eleganti. Perciò, la scelta sarà dettata dal gusto personale di ciascuno anche se… Non si potrà negare la bellezza di ognuno di loro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy