3.Liga, l’altro derby: lacrimogeni in metrò, i gendarmi romeni in azione a Bucarest contro i tifosi della Steaua

Terza divisione romena, la Dinamo Bucarest II perde contro la “vecchia” Steaua Bucarest nel derby, ma prima della partita…Tutto questo mentre nella massima serie la FCSB, la “nuova” Steaua batteva 3-2 la Dinamo Bucarest di Contra

di Redazione DDD

Alla stazione metro “Ștefan cel Mare” di Bucarest, gli ultras della Steaua Bucarest si sono scontrati con i tifosi della Dinamo Bucarest, prima del derby di 3.Liga, la terza divisione romena: Dinamo Bucarest II-Steaua 1-3. I passeggeri, che si trovavano nella zona, sono fuggiti, mentre i gendarmi sono intervenuti con la forza. Alcuni tifosi affermano che in realtà l’intero caos è stato creato dai gendarmi. C’erano circa 200 tifosi e, secondo alcune informazioni, si sono incontrati alla stazione della metropolitana vicino allo stadio della Dinamo. I gendarmi lo hanno scoperto e sono intervenuti. Nella stessa giornata in cui, nella massima serie, la Dinamo Bucarest prima squadra di Contra perdeva 3-2 il derby contro la FCSB.

Questa la nota di protesta dei tifosi della Steaua Bucarest: “La gendarmeria torna ad abusare! L’amore per i colori non ha limiti. Non avendo la possibilità di sostenere la squadra sul prato, i tifosi della Steaua hanno voluto salutare e incoraggiare i giocatori ad arrivare allo stadio della Dinamo. Nel loro intervento sconsiderato, i gendarmi hanno sparato gas lacrimogeni nella metropolitana, uno spazio chiuso pieno di persone, dove c’erano bambini, donne e altri che stavano utilizzando i mezzi pubblici di Bucarest! Per avere un quadro chiaro bisogna specificare che i tifosi non erano violenti, non usavano materiali pirotecnici, indossavano maschere, non aggredivano nemmeno verbalmente nessun altro, siano essi cittadini, gendarmi o sostenitori della squadra avversaria, e in nessun caso, non avevano armi, anche se qualcuno vuole manipolare le notizie pubblicate nelle ultime ore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy