Giornata della Memoria: la Lega Pro ha firmato il Manifesto per la comunicazione non ostile

Giornata della Memoria: la Lega Pro ha firmato il Manifesto per la comunicazione non ostile

Il Presidente Ghirelli firma manifesto “per uso attento delle parole in un giorno di riflessione e di confronto”

di Davide Capano, @davide_capano

La Lega Pro ha firmato il Manifesto per la comunicazione non ostile, ideato e promosso dall’associazione no-profit Parole O_Stili.

A siglarlo è stato Francesco Ghirelli, presidente Lega Pro, che ha dichiarato: “La Lega Pro, in rappresentanza di tutti i suoi 60 club, con il Manifesto per la comunicazione non ostile vuole prendere un impegno: quello del rispetto e dell’uso attento delle parole con la consapevolezza che queste hanno conseguenze. Abbiamo detto sì a questo progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza delle parole e lo abbiamo firmato in un giorno di riflessione e di confronto come lo è la Giornata della Memoria”.

Al Manifesto per la comunicazione non ostile ha aderito anche l’Area Comunicazione della Lega Pro.

“In particolare – conclude Ghirelliil punto 8 è la nostra base di partenza “Le idee si possono discutere. Le persone si devono rispettare”, che deve essere esteso anche al rettangolo di gioco”.

“Da oltre un anno Parole O_Stili è impegnata quotidianamente nel mondo dello sport per sensibilizzare atleti, tifosi e istituzioni sportive verso un uso consapevole e responsabile del linguaggio.”–  dichiara Rosy Russo, Presidente dell’Associazione Parole O_Stili“Ringrazio il presidente Ghirelli e tutta la Lega Pro per la sensibilità e l’impegno, perché solo educando a una cultura che sia prima di tutto dialogo e rispetto, lo sport può tornare a essere competizione e non aggressione. Rilanceremo l’invito ad affrontare queste tematiche in occasione della quarta edizione dell’incontro annuale della nostra associazione, che si terrà l’8-9 maggio a Trieste, con un momento esclusivamente dedicato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy