Italia ’90, Matthäus riapre la ferita di Maradona: “Non era rigore a Roma e io non lo tirai perché avevo cambiato gli scarpini a fine primo tempo”

Italia ’90, Matthäus riapre la ferita di Maradona: “Non era rigore a Roma e io non lo tirai perché avevo cambiato gli scarpini a fine primo tempo”

Le confessioni di Matthäus su Germania-Argentina di Italia 1990

di Davide Capano, @davide_capano

Sono passati quasi trent’anni esatti dalla finale Germania-Argentina del Mondiale italiano 1990 e ancora oggi fa discutere il rigore che ha portato al trionfo tedesco. Tutti i giocatori argentini, quel giorno in campo, hanno sempre negato l’esistenza del fallo di Roberto Sensini su Rudi Völler, addebitato dall’arbitro Edgardo Codesal, messicano di origini uruguaiane. A confermare la teoria a La Nación è Lothar Matthäus, uno dei beneficiari del penalty della discordia.

“Ero molto ben posizionato. Ho visto che c’era stato un contatto, per me non sufficiente ad assegnare rigore. In una partita del genere, se si concede un penalty, l’arbitro deve essere sicuro al 100% che il fallo sia chiaro. E per me non è stato così chiaro. Ma non credo Codesal l’abbia fatto di proposito. Forse era in una posizione diversa e per lui era evidente?”, ha dichiarato l’allora capitano della Germania Ovest, riaprendo una ferita difficile da ricucire per gli argentini.

Il Pallone d’Oro 1990 ha poi chiarito perché non ha calciato il rigore decisivo per il terzo titolo mondiale della Germania: “Lo tirò Brehme quel rigore perché scelsi io di non tirarlo. Avevo un problema a uno scarpino, era rotto. E così, per il secondo tempo, decisi di cambiare scarpini. Ma non mi sentivo sicuro con gli scarpini nuovi e fu per questo motivo che decisi di rinunciare a tirare un rigore così decisivo”.

In quella finale l’arbitro Codesal si è reso protagonista per la mancata concessione di un altro possibile rigore, perché anche l’Argentina ha reclamato su un fallo proprio di Matthäus ai danni di Gabriel Calderón che, circa un mese fa, ha ricordato la giocata con un messaggio al direttore di gara: “Ora che questo video è apparso, chiedo a Codesal, con tutto il rispetto, una cosa sola. Che sia onesto e, almeno, accetti che si è sbagliato e ha tolto all’Argentina la possibilità di essere campione del mondo a Italia ‘90”. Tuttavia Matthäus ha preferito fare il vago: “Un rigore su Calderón? Chi, io? Seriamente? Non me lo ricordo. Davvero? Se l’Argentina non ci ha attaccato. Come potevano ottenere un rigore se non hanno mai messo piede in area?”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy