Amburgo-St Pauli 0-2, che derby in campo: gli ospiti fanno la Storia, ma quanto disordine fuori e sugli spalti!

La gara più calda del turno 23 di Bundesliga 2 è la stracittadina di Amburgo. Dopo giorni di grande tensione che dura fino ai primi istanti di gara arriva la parola al campo che promuove i poveri del St Pauli capaci nell’unicum di vincere 2 derby nella stessa stagione.

di Emanuele Landi, @lelelandi33

Un derby quello tra Amburgo e St Pauli da pazzi. L’accezione positiva è per il fattore campo dove oltre ad una bella e combattuta partita si è assistito alla vittoria più debole sulla carta. Nei derby l’unica legge è che non ci sono favoriti. Il St Pauli espugna il Volksparkstadion e concede il bis dopo la vittoria dell’andata che mancava da 60 anni. L’HSV, invece, resta terzo dietro Bielefeld e Stoccarda facendo rinascere il St Pauli dopo 4 non vittorie nelle ultime 5 gare. Il fattore negativo riguarda la cronaca con la sfida che è iniziata già dalla vigilia con tanta tensione in città e forze dell’ordine ai massimi livelli. Al Großneumarkt, noto pub di Amburgo nella giornata di ieri, alcuni hooligan di fede St Pauli hanno attaccato un gruppo di sostenitori dell’HSV, spruzzando gas lacrimogeni all’interno. Il bollettino secondo la polizia locale è di 11 feriti, 4 persone ricoverate in ospedale, di cui 2 donne in gravidanza.

Sul campo, però, come detto il derby è affascinante fin dal principio. La curva dei tifosi dell’HSV è da brividi. Anche il settore ospiti fa impressione pieno dei “Pirati” di Amburgo nonostante sia stato riempito in ritardo per l’ingresso tardivo di alcuni sostenitori. La marcia d’avvicinamento allo stadio è stata contrassegnata dal lancio di alcuni fumogeni e ha infatti messo in guardia 1500 poliziotti.

La gara è vibrante fin dai primi istanti e sembra che il maggiore tasso tecnico dei padroni di casa debba venir fuori da un momento all’altro. Nel giro di un quarto d’ora arrivano due nitidi occasioni ma la dea bendata sembra voltare le spalle prima a Kittel che colpisce la traversa al 7’ e poi a Pohjanpalo che in allungo da rigore in movimento svernicia il palo. La svolta del match arriva al 23′ quando da un retropassaggio orizzontale da censura e palla intercettata si attiva la squadra ospite con Veerman che sfrutta un 2 contro 2 partendo in azione personale e con lo scavetto mandando avanti gli ospiti. Dopo 6 minuti e gli sviluppi di una lunga azione arriva la stafilata di sinsitro di Peeney e che manda in estasi i tifosi del StPauli giunti in massa al Volksparkstadion. L’eroe, però, è proprio l’autore del vantaggio che indirizza la partita fino all’intervallo.

Le due curve avevano stabilito un patto di non belligeranza. Si è andati oltre prima del fischio d’inizio con il lancio di razzi e con la polizia chiamata ancora a raccolta. Le forze dell’ordine avevano alzato la soglia dell’attenzione nei giorni precedenti anche nelle sedi d’allenamento delle due compagini. Durante la sfida ci sono anche degli scontri tra i tifosi sugli spalti.

L’inizio ripresa non presenta grandi sussulti e allora Hecking prova a rimescolare le carte con un doppio cambio. Neanche il tempo di provarci che il St Pauli su sviluppi di corner presenta il tris. L’incornata vincente, dopo un campanile, è di Benatelli. La rete, però, viene successivamente annullata per carica sul portiere di casa Heuer Fernandes. I padroni di casa avrebbero l’opportunità di riaprire il match ma la azione fortunosa che porta al tap-in sulla linea del subentrato Hinterseer è viziata con un tocco di braccio. A dieci dal termine, quindi, sono due le reti annullate nella ripresa. Il St Pauli riesce nell’impresa di vincere due derby nella stessa stagione per la prima volta nella sua storia.  La formazione del quartiere così agguanta il dodicesimo posto staccandosi dalla zona retrocessione. L’HSV, invece, si lecca le ferite e viene staccato di tre punti dallo Stoccarda.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy