berlusconi vespa niente milan monza punta salire

berlusconi vespa niente milan monza punta salire

di Redazione Derby Derby Derby

di Mattia Marinelli – Silvio Berlusconi di fronte a Bruno Vespa, sempre sul pezzo e sempre sulla cresta dell’onda. Ma per una volta l’ex premier non ha parlato di Milan. L’ex presidente rossonero lo aveva però fatto in precedenza, ai microfoni di Rete quattro durante la trasmissione Stasera Italia: “Per fortuna non mi faccio ferire dalle cose che non sono vere. Però per esempio, vi cito una cosa che ho letto anche in questi giorni riportata da un giornale, che diceva che avessi fatto rientrare in Italia dei capitali dall’estero attraverso la vendita del Milan. Le mie società non hanno mai avuto soldi all’estero, la vendita del Milan è stata di una pulizia totale”. “Il Milan mi manca ma abbiamo deciso di fare del Monza una squadra modello, tutta con giocatori giovani, senza tatuaggi e che si rivolgano con educazione all’arbitro”. E’ stato poi il tweet con cui l’ex proprietario del Milan, è tornato a parlare di Milan e di Monza, la squadra che ha recentemente acquistato e che vuole portare dalla Lega Pro alla Serie A. Dal canto suo Adriano Galliani ha attribuito a RMC Sport proprio a Berlusconi l’alone romantico del nuovo progetto brianzolo: “L’obiettivo del Monza è di fare più punti possibili. Fininvest ha preso il Monza dopo la fine del mercato estivo, quindi la prima compagna acquisti è stata quella invernale. Abbiamo cambiato gran parte della squadra, secondo me è molto forte. Non cambierei questa rosa con nessuna del girone. Non credo sia possibile raggiungere il Pordenone, quindi dobbiamo arrivare ai Play Off per andare in Serie B. La squadra è competitiva. Abbiamo perso a Trieste, ma abbiamo giocato bene. Il Monza è un’operazione romantica, io prima del Milan ero un dirigente del Monza e il presidente Berlusconi vive ad Arcore che in provincia di Monza e Brianza. Vediamo cosa riusciremo a fare, dobbiamo stare calmi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy