city liverpool gli esami non finiscono mai

di Redazione Derby Derby Derby

di Davide Capano – Una scintilla può scoccare per caso. Basta un gesto istintivo, l’incontro di una sera, un crocevia di sguardi, la complicità che si crea, improvvisa e irrefrenabile. Ma può scattare pure in una partita di calcio. Ecco perché la Premier League pensa a sé stessa come una stella cometa di modernità, piazzandoti Manchester City-Liverpool il 3 gennaio. Domani all’Etihad Stadium si affrontano il miglior attacco contro la miglior difesa del campionato inglese. Faville calcistiche garantite nel posticipo della ventunesima giornata. Diretta su Sky Sport Uno alle 21 italiane con la sfida anche tra Blue Moon e You’ll Never Walk Alone. I Reds, con sette punti di vantaggio sugli avversari, vengono dalla cinquina interna rifilata all’Arsenal nell’ultimo sabato del 2018. Mentre i Citizens, dopo un dicembre non proprio celeste, sono reduci dalla vittoria esterna contro il Southampton. City e Liverpool sono squadre illegalmente forti perché sanno rompere le bolle di filtraggio. Ricamano e sbranano, sbruffano e finalizzano. Cercano il gol come i cani cercano il tartufo. Un match del genere, in pittura, sarebbe equiparabile alla Colomba di Picasso. D’altronde per Guardiola e Klopp, manco fossimo in una commedia di Eduardo De Filippo, gli esami non finiscono mai. Chissà dove la vedranno i tifosi Angelina Jolie, Brad Pitt, Daniel Craig, Lebron James, Ricky Hatton e i fratelli Gallagher… In qualche modo saranno sintonizzati su Manchester per non perdersi un’altra occasione di andare verso il cielo. Il vero scopo dello sport e della vita. Happy New Year!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy