mario mandzukic lex atletico oggi talismano juve

mario mandzukic lex atletico oggi talismano juve

di Redazione Derby Derby Derby

di Valentina Alduini – Martedì 12 marzo i fari saranno tutti puntati sullo Stadium, dove come è ormai ben noto la Juventus affronterà l’Atletico Madrid e, se gli spagnoli hanno nella loro rosa l’ex Morata, i bianconeri rispondono con Mario Mandzukic. L’attaccante croato, infatti, affronterà nuovamente i madrileni da ex, dando vita ad un altro intensissimo derby personale. Nel match di andata, disputatosi al Wanda Metropolitano (che sarà lo stadio che ospiterà la finale di Champions League), Mandzukic non era riuscito ad incidere quanto ci si attendeva. Nato il 21 maggio 1986, il croato con la maglia della Juventus sta dimostrando di avere un enorme valore, in quanto quando serve, si fa trovare spessissime volte al posto giusto nel momento giusto. Mandzukic, che in campo mostra sempre grinta e carattere da vendere, ha vestito la maglia dell’Atletico Madrid nella stagione 2014-2015. Nella sua esperienza a Madrid Mr. No Good, questo il suo soprannome, ha messo a segno 20 reti in 43 partite disputate tra Liga, coppe nazionali e Champions League. Un’annata non esattamente esaltante per uno carismatico e con il fiuto per il gol come Mario Mandzukic. Invece, dando uno sguardo ai numeri della stagione in corso, il numero 17 della Juventus ha messo attualmente a segno 9 gol in 27 presenze, di cui 8 in campionato e 1 in Champions League. E che dire dell’intesa con Cristiano Ronaldo, anche lui alle prese con un derby data la sua lunga permanenza al Real Madrid? I due si intendono, si cercano e, purtroppo per gli avversari… Si trovano molto spesso! Dunque, uno con il carattere di Mandzukic, che sembra avere come unici obiettivi il gol e la vittoria, due cose strettamente correlate tra loro, non dovrebbe patire particolarmente l’ansia tipica di questo personale derby. Tuttavia, indipendentemente dal suo derby da ex, per la sua Juventus la partita rappresenterà un crocevia stagionale. Mandzukic, dal canto suo, cercherà di essere maggiormente incisivo rispetto alla gara d’andata e proverà a sfruttare le sue conoscenze dell’ambiente dell’Atletico Madrid. Quindi, Mr. No Good ci metterà tutto il suo impegno e tutta la sua nota bravura sia per aiutare i suoi a compiere una rimonta che pare ostica, sia per vincere il suo derby personale contro il club spagnolo con cui, nel corso della sua permanenza, non era stato molto fortunato. Va ricordato che, lo scorso anno, in occasione del match di ritorno dei quarti di Champions League perso dal Real Madrid per 1-3, il croato mise a segno una doppietta che fece brillare gli occhi dei tifosi juventini. Detto ciò, ormai siamo sempre più vicini a questo big match che, anche se non è un vero e proprioderby data la non appartenenza dei due club alla medesima città, a livello di intensità agonistica e mediatica ha tutta l’aria di esserlo. Non resta che prepararci perché vedremo certamente tanti colpi di classe e chissà che non possa essere proprio Mandzukic l’uomo decisivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy