milan genova calendario salita

di Redazione Derby Derby Derby

di Donatella Swift – La vittoria del Milan a Genova contro i rossoblu non può portare se non buonumore in un ambiente che comunque continua ad avere le sue difficoltà, al netto della telenovela che nelle ultime settimane ha visto come protagonista Higuain. Certamente la boccata di ossigeno che i rossoneri hanno potuto tirare a Marassi apre diversi spunti di discussione. L partenza di Higuain, che comunque la si veda risulta essere una sconfitta sia da parte del giocatore, troppo immaturo – a dispetto dei suoi 31 anni – sia da parte della società che di fatto si è ritrovata ad avere a che fare con uno scarto della Juventus, dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo. Senza l’argentino il Milan ha vinto in tre occasioni e pareggiato in altre due, perdendo contro la Juventus una gara che ha avuto un andamento quanto meno bizzarro, pur con tutte le attenuanti del caso e le enormi differenze a livello dei singoli in campo. E ancora: dopo la Sampdoria ecco che Andrea Conti, rientrato da poco in squadra dopo il lunghissimo calvario che lo ha visto lontano dai campi di calcio, ha estratto dal suo cilindro personale il secondo cross vincente, quello per Borini. A Genova mancavano oltre ai soliti Biglia e Bonaventura anche altre pedine fondamentali, e tutti per squalifica, Kessie, Romagnoli e Calabria. Ora il Milan dovrà affrontare un calendario piuttosto complesso, apartire dall’anticipo di sabato 26 contro il Napoli, per proseguire con la sfida di Coppa Italia sempre contro il Napoli, per passaare alle difficili trasferte con la Roma e l’Atalanta, inframmezzate dalla gara interna contro il Cagliari. Tuitti test che dovranno saggiare se questo Milan, che già contro il Napoli sabato sera potrà contare su Piatek, sia in grado di mantenere il suo quarto posto in campionato

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy