milan giocatori rino bastera la conferma

milan giocatori rino bastera la conferma

di Redazione Derby Derby Derby

di Emanuele Colangeli –

Gennaro Gattuso ha il grande merito di aver saputo gestire la macchina alla grande. Che che ne dicano alcuni detrattori ad oggi se i rossoneri  sono ancora in piena corsa Champions lo devono anche e sopratutto al trainer originario di Schiavonea.

A proposito, visto che la storia si ripete e visto che i destini di Gattuso e Allegri, fin dai tempi del Perugia, si sono spesso intrecciati e visto che la Champions rossonera dipende da Juve-Atalanta, a molti è tornato in mente Ringhio mentre il tecnico livornese raccontava alcuni particolari al termine di Roma-Juventus: “Sei anni fa sono stato vicino alla Roma, poi Berlusconi e Galliani mi convinsero a rimanere al Milan”. Parole che hanno ricordato come siano più volte usciti rumors su un interessamento per Gattuso, da parte di Totti e della Roma di oggi.

In ogni caso, la prova di maturità svolta con successo dal Milan sul Bologna è stata solo la ciliegina sulla torta di una gestione dello spogliatoio in netto miglioramento. Dal “caso” Higuain con l’abbraccio del Pipita,  in piena tempesta ormonale pro Chelsea, al suo allenatore dopo l’ultimo gol in rossonero contro la Spal a Cutrone dopo l’arrivo di Piatek a Gennaio  quando tutti davano per spacciato il 63 all’episodio Biglia-Kessie-Bakayoko-Acerbi  con il metronomo argentino che ha voluto essere al fianco della squadra nella delicata e vinta trasferta di Firenze dopo una pesante disputa interna con lo stesso centrocampista ivoriano. Insomma per il trainer ex Pisa un lavoro sin qui encomiabile, certo la possibile e concreta possibilità di non qualificarsi in Champions League risulterà un fattore decisivo se non determinante circa la questione estiva relativa alla sua permanenza o meno sulla panchina milanista ma a Gattuso, almeno a livello di gestione dello spogliatoio vadano i giusti riconoscimenti e incoraggiamenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy