milano derby del 4 marzo domenica 4 aprile sara mercoledi

di Redazione Derby Derby Derby

di Mattia Marinelli – “Ci dispiace per la data del derby,abbiamo provato a fare di tutto. Avevamo proposto ai nerazzurridue date diverse ma si è scelto un mercoledì, un giornodifficile: l’Inter si è appellata al regolarmente e non potevamofarci nulla. Ci scusiamo”. Così si è espresso l’ad del Milan, Marco Fassone,che avrebbe preferito recuperare la partita, rinviata per la morte di Davide Astori, in una giornata festiva. Questo è il classico caso in cui rischiano di esplodere della rivalità antipatiche. Perchè in tutta la querelle non bisogna dimenticare che il derby è stato rinviato per la scomparsa di un ragazzo meraviglioso, Davide Astori. Bisogna quindi avere la forza di mettere da parte il calendario di una delle due squadre e l’opportunità di sfruttare gli incroci per l’uno o per l’altro Club. La stella polare è una e solo una: il derby andava recuperato in un giorno festivo, per rispetto nei confronti di chi ha acquistato il biglietto per un Milan-Inter programmato inizialmente in un giorno festivo. Proprio nella stagione in cui si è riscoperta la tendenza a giocare a Santo Stefano e a ridosso delle feste di fine anno,  un evento mondiale da sold out come il derby lo si fa giocare un mercoledì alle 18.30… Alla fine è il pubblico a pagare il biglietto, è il tifoso che si sobbarca trasferte importanti, è lo spettatore ad avere diritto a tornare a vedere lo spettacolo per cui ha pagato nello stesso giorno, festivo, in cui era programmato inizialmente. Situazioni che, in deroga al regolamento, si possono calibrare. Ma in questa vicenda non ha dettato legge il rispetto per la gente. Ma l’ansia del confronto ravvicinato con la Juve.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy