semifinali coppa italia piatek milan presenti

di Redazione Derby Derby Derby

di Valentina Alduini – Il primo quarto di finale di Coppa Italia si è svolto a San Siro e, la prima squadra ad uscire di scena, è il Napoli. Dopo il match a reti inviolate di sabato in Campionato, ad avere la meglio in Coppa Italia è stato il Milan guidato da uno strepitoso Piatek. Il polacco, autore di una doppietta (reti all’11’ e al 27’), si è caricato sulle spalle la squadra, dimostrando una freddezza e una lucidità che lasciano ben presagire per il futuro. Approfittando di due sviste della difesa partenopea, il bomber ex Genoa non si è fatto cogliere di sorpresa, andando a gonfiare la rete protetta da Meret. Ma a disputare una grande prova non è soltanto Piatek al suo esordio dal 1’, bensì tutta la squadra. Se è vero che i due gol sono stati fondamentali per ottenere la qualificazione alle semifinali, è altrettanto reale il fatto che un’ottima prestazione corale ha evitato di subire un avversario di tutto rispetto come il Napoli. E’ vero, la squadra di Carlo Ancelotti è apparsa lenta e incolore, ma ciò non deve togliere meriti al Milan. Scendendo nei particolari, la difesa rossonera ha saputo reggere molto bene, con Romagnoli e Musacchio che hanno eretto un muro davanti a Donnarumma, ancora una volta autore di una prova degna di nota. Passando al centrocampo il migliore è stato sicuramente Bakayoko, capace di gestire il reparto in maniera praticamente impeccabile. Insomma, un ottimo tassello su cui Rino Gattuso potrà contare per il resto della stagione. Tornado all’attacco, Borini e Castillejo hanno dimostrato gran voglia di supportare la squadra e di mettersi al suo servizio in ogni circostanza. Negli ultimi minuti, lo spagnolo si è messo in mostra anche con un assist a Cutrone, che purtroppo in questa partita non è andato a segno ma, se il Milan ha affrontato il Napoli ai quarti è merito suo in quanto è stato proprio lui l’autore della doppietta che aveva portato alla vittoria contro la Sampdoria agli ottavi. Dunque, gli uomini di Gattuso hanno dimostrato non solo di avere grinta e determinazione da vendere ma hanno anche messo in mostra la loro capacità di restare in partita fino alla fine senza commettere errori grossolani cosa che, fino a qualche tempo fa, non appariva così scontata. Infatti in alcune occasioni delle sbavature, sintomo di un calo mentale, hanno portato ad ottenere risultati diversi da quelli che ci si attendeva. Se il Milan continuerà su questa strada, certamente potrà conseguire obiettivi importanti. Adesso l’attenzione dei rossoneri si sposterà sulla partita di Campionato di domenica sera, dove l’avversaria sarà la Roma (impegnata questo pomeriggio nel quarto di finale contro la Fiorentina). L’ambiente rossonero arriverà al big match di Campionato carico per la vittoria ottenuta con il Napoli ma certamente Gattuso chiederà ai suoi di non farsi prendere dall’ euforia e anzi, di trasformarla in quella cattiveria agonistica che può portare a risultati che contano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy