La statua sfregiata: Ibrahimovic da Stoccolma attacca i vandali della “sua” città di Malmoe

Gol e polemiche per Ibra a Stoccolma

L’attaccante svedese del Milan Zlatan Ibrahimovic, che ha segnato ieri con l’Hammarby , di cui è azionista, ha segnato un gol in un torneo di allenamento senza pubblico a Stoccolma, non ha chiarito i dubbi sul suo futuro, ma ha accusato il Malmoe, il club in cui è cresciuto e ha criticato la demolizione di una sua statua nella sua città natale: “Mi dispiace. Quello che vogliono è l’attenzione e che i media ne scrivano , ma siamo al livello di scuola materna. La statua era quella che era, ma il fatto che sia stata demolita non significa che la mia storia cadrà, durerà per sempre”, ha detto il 38enne sul canale svedese Discovery.

La federazione di calcio svedese aveva inaugurato una statua di “Ibra” a Malmoe lo scorso ottobre come tributo al capocannoniere nella storia della squadra, ma il monumento è stato sfregiato con diversi atti di vandalismo dopo che il giocatore ha acquistato una parte dell’Hammarby, di Stoccolma, città rivale della Scania svedese di cui Malmoe è la capitale. Ibrahimovic , che ha trascorso diverse settimane in Svezia a causa della pandemia di Coronavirus si è allenato nei giorni scorsi con Hammarby, ha avuto parole dure contro il Malmoe, il club dove si è formato e da cui è partito per l’Ajax per avviare una brillante carriera internazionale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy