calcio estero

Berlino si prepara per il derby e Skjelbred sogna: “Spero in un goal contro l’Union per salutare al meglio i tifosi dell’Hertha”

BERLIN, GERMANY - JULY 19:  Per Skjelbred of Hertha BSC poses during the team presentation at Schenckendorffplatz on July 19, 2019 in Berlin, Germany.  (Photo by Matthias Kern/Bongarts/Getty Images)

Si avvicina il derby di ritorno tra Hertha e Union Berlino. Parla uno dei leader dei biancoblù che vorrebbe congedarsi a modo suo...

Emanuele Landi

I norvegesi si sa sono più freddi e distaccati rispetto ad altre popolazioni europee. Il cuore, però, lo mettono sempre in ogni cosa che fanno. Anche Per Skjelbred la pensa così: il giocatore, capitano in passato della Norvegia e ora leader dell'Hertha Berlino, ha già pensato un modo per sdebitarsi con i suoi tifosi. Venerdì sera, infatti, va in scena il derby della capitale o come direbbero in Germania il Hauptstadt Derby e i giocatori della Vecchia Signora non vedono l'ora di vendicare la gara d'andata. Il nativo di Trondheim, però, oltre a vincere la stracittadina vorrebbe salutare i suoi tifosi, nella sfida più sentita, magari con un gol come regalo d'addio.

Ad agosto, del resto, scadrà il contratto con l'Hertha Berlino. Il classe 1987 farà così ritorno alla casa madre, ossia al Rosenborg dove ha vinto 4 campionati all'inizio della sua carriera. Il difensore e centrocampista dei biancoblù ha parlato ai microfoni della testata tedesca Rbb24 a proposito della settimana pre derby e della sfida che li aspetta contro l'Union: "Questa settimana sarà molto importante per noi. L'energia si accumula di giorno in giorno. Non ho mai visto così tanti derby in vita mia. Questa è un'enorme opportunità per noi di reagire. Non abbiamo dimenticato cosa è successo nell'ultima partita. Ecco perché è così importante per noi. E abbiamo assolutamente bisogno di punti. Ma il nostro focus è sul calcio. Stiamo cercando di vincere la partita".

BERLIN, GERMANY - NOVEMBER 02: Sebastian Polter of 1. FC Union Berlin celebrates after scoring his team's first goal during the Bundesliga match between 1. FC Union Berlin and Hertha BSC at Stadion An der Alten Foersterei on November 02, 2019 in Berlin, Germany. (Photo by Maja Hitij/Bongarts/Getty Images)

La sconfitta della gara d'andata brucia ancora nei cuori dei tifosi che, però, nell'ultimo weekend, complice la sconfitta dei rivali col Bayern e la vittoria dell'Hertha sull'Hoffenheim, hanno risorpassato gli ex amici. "Ricevetti tanti commenti dal quartiere - ha rivelato Skjelbred - Non potevo nemmeno andare al centro commerciale senza averne uno. Non è stato divertente. Ora prima di tutto, dobbiamo correre molto di più. I duelli a centrocampo saranno molto importanti e dobbiamo anche impedire all'Union di vincerli. Alla fine, è la nostra fase offensiva che può fare la differenza.

"Il vantaggio di giocare in casa è il nostro stadio, il nostro prato - ha sottolineato l'ex capitano della Norvegia - Ovviamente sarà un po' strano per tutti che i fan non ci saranno. Ma questo è lo stesso per tutti i club. Penso che sentiremo ancora un po' di derby nello stadio. Non ci resta che pensare al nostro compito e vincere la partita. Sarebbe bello vincere per la supremazia della città". "Voglio vincere per aiutare il mio club - ha concluso il numero 3 dell'Hertha - Ho tra i miei compiti quello di aiutare i miei compagni di squadra. Segnare un goal, però, sarebbe bello contro l'Union Berlino perché sarebbe come un piccolo regalo d'addio. Ma prima farò il mio lavoro. Se ci sarà l'occasione, ci proverò".

Potresti esserti perso