DDD
I migliori video scelti dal nostro canale

Primo incrocio di Serie A sia per lo Spezia che per il Venezia con Daniele Doveri arbitro

Venezia, Zanetti: “Oltre a non regalare dobbiamo segnare”

VENICE, ITALY - FEBRUARY 06:  Head coach of Venezia Paolo Zanetti looks on during the Serie A match between Venezia FC and SSC Napoli at Stadio Pier Luigi Penzo on February 06, 2022 in Venice, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

L'allenatore ha parlato in conferenza stampa prima della gara in casa dello Spezia

Davide Capano

Il Venezia è ospite domani dello Spezia di Thiago Motta, che ha perso quattro delle ultime cinque gare di campionato proprio come i lagunari. Dopo la sconfitta interna con la Sampdoria, il tecnico Paolo Zanetti, squalificato dal giudice sportivo "per avere pronunciato un'espressione blasfema al 10° del secondo tempo" della sfida coi blucerchiati, ha presentato così la gara del Picco nella conferenza stampa della vigilia: “Recuperiamo praticamente tutti, i nazionali alcuni li vedo per la prima volta oggi ma direi che ho scelta per fare la formazione. Romero è tornato in Argentina, non l’abbiamo più sentito e non lo so, per cui non so quando lo recupereremo. All’andata abbiamo perso all’ultimo secondo con un eurogol da 40 metri. Fra noi e loro non c’è grande differenza tecnica, loro hanno il fattore campo ma abbiamo grandissime motivazioni e l’occasione per tornare a ragionare in modo diverso. Sarà una gara tra due squadre che sanno cosa significa stare nei bassifondi. In questo momento hanno qualche punto in più di noi, frutto della vittoria nello scontro diretto e dei successi su Milan e Napoli. Noi però siamo ancora in corsa, l'occasione per tornare a ragionare in modo diverso c'è. Dobbiamo andare lì a giocare al 100%. Avevamo 8 giocatori in Nazionale che hanno avuto più dispendio di energie che impiego”.

“Per quello che riguarda Henry, ci sono bastati due minuti per mettere a posto la cosa - spiega il mister arancioneroverde -. Lui ha sbagliato sul campo e io ho sbagliato fuori. Thomas ha una grande stima di me e di lui. Non avremo il nostro centravanti che ho detto tante volte è il nostro miglior giocatore. Entrambi non ci saremo e abbiamo messo in difficoltà la squadra con i nostri comportamenti. Mi vergogno di quanto ho detto non di quanto ho fatto, entrambi abbiamo sbagliato e siamo in debito con la squadra. Le certezze sono le nostre, alla fine del girone di andata eravamo in una certa posizione. Lo Spezia ultimamente ha colpito in ripartenza con i giocatori di gamba e di talento che hanno. Si è difesa bassa creandosi campo, dobbiamo essere bravi a non regalare gli episodi e a sfruttare le nostre caratteristiche. Difficile preveder che gara sarà domani, ma lo Spezia sa giocare in contropiede, ha giocatori di gamba e con colpi, questo però non vuol dire che domani faranno questo tipo di partita. Dovremo saper leggere i momenti della gara e non dovremo regalare episodi. Oltre a non regalare dobbiamo segnare. Dovremo essere capaci di sfruttare le palle gol. Quando le cose non vanno bene si tende a vedere tutto nero, giocare nella negatività non ci regala niente. La nostra è una tipologia di squadra che ha dimostrato che se non si diverte e ha troppa pressione negativa in campo non si esprime. Abbiamo lavorato in maniera contraria per cercare di recuperare serenità. Dunque nella sosta abbiamo cercato di cambiare un po' i nostri animi. Non ci dà nulla la negatività, non ci stimola ma ci preoccupa, abbiamo cercato di cambiare l'inerzia. Non andiamo chiaramente a La Spezia a ridere, andiamo per dare battaglia, però abbiamo cercato di preparare al meglio sotto l'aspetto tecnico la partita senza sprecare energie inutili mentalmente. Prima del fischio d'inizio con la Sampdoria la squadra era carichissima, poi con il fischio dell'arbitro abbiamo perso subito tanta spavalderia, quindi abbiamo cercato di invertire la cosa”.

“La quota salvezza? Dipenderà molto da noi e dal Cagliari - conclude Zanetti -, mentre non penso che l’Udinese e la Sampdoria siano dentro la lotta, è difficile prevedere e fare un calcolo. La quota salvezza potrebbe essere più bassa rispetto agli ultimi anni”.

 

tutte le notizie di