Genoa, Zappacosta racconta tutto: “Perin era negativo, poi il giorno dopo i sintomi, è cominciato tutto così…”

Intanto resta fermo a 22 tesserati (17 calciatori e 5 membri dello staff) il numero di contagiati da Coronavirus in casa Genoa.

di Redazione DDD

Davide Zappacosta ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano sportivo francese L’Equipe, in merito alla vicenda che della positività al Coronavirus di 22 tesserati del Genoa. Il laterale appena arrivato dal Chelsea è stato tranchant: “Sarebbe potuto accadere in qualsiasi club, i rischi sono alti: bisogna riflettere e trovare soluzioni”.

Mattia Perin

Zappacosta, ormai senza febbre e in attesa di buone notizie dai nuovi test, ha proseguito: “È cominciato con Perin. Il giorno prima di avere sintomi era negativo, poi non appena è stato trovato positivo è finito in isolamento. Il problema è che il giorno in cui il tampone era positivo, era già contagioso e aveva contaminato già qualcuno in spogliatoio. E da lì è iniziato tutto. Ma i tamponi successivi fatti agli altri giocatori erano negativi, anche se molti di noi eravamo già contagiati, me incluso. Ma non avevamo scelta, dovevamo comunque andare a Napoli visto che la partita era stata confermata”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy