Al derby con 6 punti: Giampaolo contento del secondo tempo, pessimo Bentegodi vs Kessie

Al derby con 6 punti: Giampaolo contento del secondo tempo, pessimo Bentegodi vs Kessie

Verona-Milan 0-1: episodi e dichiarazioni

di Redazione DDD

di Mattia Marinelli –

Dopo l’1-0 di Verona, secondo una parte della critica Giampaolo merita fiducia e pazienza. I risultati aiutano. Il Diavolo proverà a tuffarsi sul derby come fosse il trampolino della svolta. In ogni caso tocca al gioco di Giampaolo far lievitare il rendimento dei giocatori più tecnici del Milan. In ogni caso al Bentegodi il Milan fatica e soffre fino all’ultimo ma vince in vista del derby, il Verona in dieci lotta con generosità, decide un rigore. Il Milan resta in scia della capolista. Buu contro Kessie. Giampaolo ha giocato cercando di lanciare verticalmente Piatek, con Suso e Paquetà dietro. Davvero ignobili i buu a Kessie. Rosso dubbio a Stepinski al 21esimo minuto. Pali di Calabria e Verre. I rossoneri faticano e nel finale rischiano. Nel recupero espulso anche Calabria. Espugnato il Bentegodi, Milan al derby senza il peso di un risultato negativo.

C’era la luna piena sul Bentegodi e Kris Piatek si sveglia dal suo letargo: il primo gol stagionale  arriva dal dischetto, un rigore che piega l’ammirevole Verona. Ancora interrogativi sul gioco del Milan nella settimana che porta al derby. Non c’è feeling fra Giampaolo e i dirigenti secondo il Corriere della Sera, Maldini e Boban speravano nell’innesto di qualche frutto del mercato e invece dall’inizio solo Rebic. La classifica del Milan esce rafforzata dallo scontro del Bentegodi, l’autostima non ancora. Buu razzisti degli ultrà del Verona a Kessie e Leao fin dall’allenamento pre-partita. Anche con l’uomo in più, la squadra rossonera ha cozzato contro la lentezza del suo gioco.

Nel dopo partita, Giampaolo va avanti per la sua strada, con le sue convinzioni: “Definire imbarazzante il Milan del primo tempo mi pare esagerato. Nel secondo tempo la squadra ha fatto bene, ha giocato come doveva giocare. Serve più maturità tattica”. Ancora Giampaolo: “La squadra fa quello che le dico, possiamo crescere. Piatek? Niente polemiche…”. Soltanto una sostituzione, Rebic. La spiegazione di Giampaolo: “Non ho fatto cambi, perché la squadra stava giocando bene, dopo aver alzato Suso e Rebic per mettere pressione”. Il numero 9 rossonero ha esultato zittendo le telecamere, ma il tecnico spegna ogni discussione: “Non mi è sembrato di vedere alcuna polemica, ha lottato, è un ragazzo che non fa casino. Nella ripresa la squadra mi è piaciuta e abbiamo fatto quello che dovevamo. Vittoria importante”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy