Come Cassano e come Biabiany: il cuore di Antonee Robinson controllato e “salvato” dal Milan

Come Cassano e come Biabiany: il cuore di Antonee Robinson controllato e “salvato” dal Milan

Wigan: le rivelazioni un mese e mezzo dopo…

di Redazione DDD

Attraverso i canali social del Wigan, il terzino Antonee Robinson ha parlato del suo mancato approdo al Milan. “Volevo aggiornare i tifosi sulla mia situazione, viste le tante persone che mi hanno chiesto se sto bene e perché non scendo in campo da gennaio. Durante le mie visite mediche per il mio potenziale trasferimento al Milan all’ultimo giorno di mercato, è stata riscontrata un’irregolarità nel mio battito cardiaco. Ulteriori test sono stati necessari per permettere al trasferimento di essere finalizzato e ratificato, ma non c’era abbastanza tempo per farlo all’ultimo giorno di mercato. Dal mio ritorno al Wigan, mi sono allenato con la squadra mentre venivo monitoravo e ho passato un periodo di esami e trattamenti”.

L’ammissione del Wigan

Ancora Antonee, salvato dal Milan per problemi cardiaci, come Cassano e come Biabiany: “Mi sento assolutamente bene, ma questo è un problema che deve essere risolto perché io possa giocare di nuovo. Dopo un consulto con lo staff medico del club e specialisti indipendenti, è stato stabilito che necessito di una procedura medica in questo mese per risolvere l’irregolarità del ritmo cardiaco, una procedura chiamata ablazione. Vorrei ringraziare tutti al Wigan per il loro supporto in questo periodo, specialmente lo staff medico del club. Grazie per il vostro supporto e spero di tornare in campo il prima possibile”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy