editoriali

baku lanti finale citta proibita diritti umani nellocchio del ciclone

di DDD – Due simboli della civilissima Londra, l’Arsenal e il Chelsea, a battersi per una coppa europea a Baku. Lontana, quasi irraggiungibile, sia economicamente che culturalmente. La Uefa è stata criticata per questa scelta.Ma non...

Redazione Derby Derby Derby

di DDD -

Due simboli della civilissima Londra, l'Arsenal e il Chelsea, a battersi per una coppa europea a Baku. Lontana, quasi irraggiungibile, sia economicamente che culturalmente. La Uefa è stata criticata per questa scelta.Ma non solo per l'aspetto economico, che avrebbe messo in secondo piano le esigenze dei tifosi, ma anche qualcosa di più importante: l’Azerbaijan è stato segnalato come uno stato in cui i diritti umani non sono pienamente rispettati, secondo un rapporto di Amnesty International (citato in un articolo di Usa Today) la comunità Lgbtq+ sarebbe vittima di discriminazione, mentre le persone sospettate di reato subirebbero degli abusi da parte della polizia locale.

"Insomma, un derby londinese che vale l'Europa League a più di 4000 km dalla capitale inglese. Arsenal e Chelsea si sfidano per la conquista del secondo trofeo continentale. Da una parte i Gunners, che, con Granit Xhaka titolare e Stephan Lichtsteiner in panchina, vanno a caccia di una consacrazione europea che manca terribilmente nel loro palmarès (una sola Coppa delle Coppe nel 1994), dall'altra i Blues, assetati di successo in una stagione senza trofei e intenzionati a dare un seguito alla vittoria del 2013. Uno scontro importante anche per Sarri, incerto sul suo futuro, ed Emery, che solo vincendo regalerebbe all'Arsenal la prossima Champions League.

"A fare discutere nelle ultime settimane, oltre ai contorni sportivi, è stata la scelta di disputare la partita nella capitale azera. Polemiche sono sorte attorno all'ora di inizio locale (23h00) e alla lunghezza della trasferta, ma anche per la questione dei diritti umani, nonché per la rinuncia dell'armeno Mkhitaryan a disputare l'incontro per ragioni diplomatiche.

Potresti esserti perso