Continuare a vincere per scalare la classifica: il derby del Toro è fra Europa e non Europa

La squadra di Mazzarri è a ridosso del settimo posto, ma fa parte del gruppo di dieci squadre che sono compresse in sei punti.

di Redazione DDD

di Elena Rossin –

In un campionato dove tante squadre hanno un andamento altalenante e si è già delineata una spaccatura, al momento, abbastanza netta fra il gruppo delle prime* che arriva all’Atalanta e un altro gruppo ancor più consistente di chi le insegue capitanato da Napoli e Parma – che vede anche una lotta ristretta per il primo posto fra Inter e Juventus con la possibilità per la Lazio di approfittare di eventuali inciampi delle altre due -, ogni vittoria può rilanciare qualche squadra, così come ogni passo falso può significare un allontanamento, più o meno recuperabile, dagli obiettivi.

Anche il Torino, quindi, è soggetto a questo bungee jumping, tanto più perché fa parte di quel vasto gruppo di squadre che stanno nella parte di mezzo della classifica che ne vede dieci, Napoli, Parma, Torino, Milan, Verona, Bologna, Fiorentina, Sassuolo, Lecce e Udinese, in soli sei punti e con il Sassuolo che deve recuperare una partita con il Brescia.

La squadra di Mazzarri dopo le due vittorie consecutive con Genoa e Fiorentina sta facendo capolino dal periodo di difficoltà e se domani battesse anche il Verona, staccato di due soli punti, indubbiamente si rilancerebbe verso quello che era l’obiettivo stagionale di fare meglio del settimo posto, quindi, avere la certezza di piazzarsi in un posto che porti all’Europa League, magari, di un posto sicuro senza dover passare dai preliminari. Il Torino oltretutto prima della sosta natalizia affronterà oltre al Verona anche la Spal, attuale fanalino di coda della classifica e questo dà ancor più modo ai granata di chiudere l’anno solare con un filotto di vittorie. Un derby che il Torino deve assolutamente vincere per non abdicare dai sogni di gloria già alla fine del girone d’andata.

*Classifica Serie A dopo 15 giornate:
Inter 38; Juventus 36; Lazio 33; Cagliari e Roma 29; Atalanta 28; Napoli e Parma 21; Torino e Milan 20; Verona 18; Bologna e Fiorentina 16; Sassuolo**, Lecce e Udine 15; Sampdoria 12; Genoa 11; Brescia 10**; Spal 9.
**una partita in meno

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy