Simone Verdi e il suo derby personale con il Napoli per rilanciarsi e far ripartire il Torino

Simone Verdi e il suo derby personale con il Napoli per rilanciarsi e far ripartire il Torino

L’attaccante è arrivato alla corte di Mazzarri per avere quello spazio che Ancelotti non gli poteva garantire

di Redazione DDD

di Elena Rossin –

Simone Verdi è tornato a vestire la maglia del Torino dopo i trascorsi in granata giovanili e un girovagare in Italia e all’estero in prestito a Juve Stabia, Empoli, Eibar e Carpi fino a quando il Milan, dove la sua avventura calcistica è iniziata, non lo ha ceduto definitivamente al Bologna. Con i felsinei  il giocatore ha avuto modo di esprimere tutte le sue qualità tecniche, duttilità e buona visione del gioco che gli permettono di giocare esterno d’attacco a destra o a sinistra essendo capace di calciare bene con entrambi i piedi o anche come trequartista e punta sfruttando la capacità di battere punizioni e rigori, e mettersi così in mostra  tanto da destare l’interesse del Napoli. Arrivato due estati fa alle dipendenze di Ancelotti non ha trovato quello spazio che sperava chiuso da altri calciatori e forse anche pagando il non avere un ruolo definito e un fisico che non lo fa annoverare tra i marcantoni. E in più qualche acciacco lo ha condizionato. Dopo solo un anno allora ha fatto ritorno al Torino, prestito con obbligo di riscatto, preso per dare a Mazzarri un giocatore di qualità che innescasse Belotti e anche Zaza mettendoli nella condizione di segnare di più.

Però Verdi è arrivato alla corte di Mazzarri solo sul filo della chiusura del calciomercato il 2 settembre e a campionato in corso deve adattarsi al nuovo allenatore e ai nuovi compagni oltre a ritrovare brillantezza poiché nel Napoli aveva giocato poco nella stagione precedente e in estate era stato utilizzato in modo marginale nelle amichevoli e mai nelle prime due gare di campionato. Nella sua nuova avventura al Torino quindi non è ancora riuscito a dare il contributo che può e che in casa granata si aspettano da lui. Domenica Verdi sulla sua strada ritroverà il Napoli e per lui sarà un derby personale poiché avrà sicuramente voglia di disputare una buona partita per far vedere che forse lo avevano un po’ sottovalutato e per aiutare il Torino a mettersi alle spalle la sconfitta con il Parma. Verdi non ha bisogno di stimoli per giocare bene essendo un professionista serio, ma affrontare la sua ex squadra comunque gli può far scattare un pizzico sana rivalsa.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy